Guida al calcolo cessione del quinto: come stimare rata e importo massimo
Articolo a cura di
Foto profilo di Admin Tipresto
Admin Tipresto
Pubblicato il: 15/12/2021
Tempo di lettura: 6 minuti
Condividi l'articolo

Guida al calcolo cessione del quinto: come stimare rata e importo massimo

Tipicamente apprezzata dagli italiani, la cessione del quinto è una forma di prestito personale che consente di ottenere somme piuttosto elevate utilizzando come principale garanzia il proprio reddito. Riservata a titolari di pensione e dipendenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato, prevede un rimborso tramite rate mensili decurtate direttamente dalla busta paga o dal cedolino pensione. Ma effettuare il calcolo cessione del quinto è meno banale di quanto si potrebbe immaginare.

La ragione è da ricercare anzitutto nel meccanismo di rimborso. Come suggerisce il nome del prodotto, infatti, la cessione del quinto ha una rata massima pari ad un quinto del reddito mensile netto. Tuttavia, le condizioni di cui tenere conto per il calcolo variano a seconda che il richiedente sia un pensionato o un lavoratore dipendente.

Sommario

Come effettuare il calcolo cessione quinto pensione

Quando si desidera effettuare autonomamente un calcolo cessione del quinto, il primo punto da affrontare è senza dubbio la rata. Non solo perché incide sulla sostenibilità del prestito, ma anche perché la definizione della quota cedibile (importo massimo ammesso per la rata di ammortamento) varia a seconda che il richiedente sia un lavoratore dipendente o un pensionato.

In particolare, la simulazione calcolo cessione del quinto di quota cedibile per i pensionati viene definita considerando la pensione percepita mensilmente, al netto di trattenute fiscali e previdenziali. Vige inoltre la salvaguardia della pensione minima, ossia l’esclusione dal calcolo di una quota del trattamento previdenziale pari alla somma fissata annualmente come pensione minima.

Se la pensione è cointestata, la rata massima del prestito viene calcolata considerando solo la quota di pertinenza del richiedente. Quando invece il soggetto che presenta istanza di finanziamento è titolare di più pensioni cedibili, il calcolo è effettuato sull’importo complessivo dei trattamenti previdenziali.

Per semplificare il ragionamento comunque possiamo affermare che il calcolo del quinto cedibile per i pensionati si può affrontare dividendo per 5 la pensione netta mensile anche se, vista la facilità con cui si può ottenere la certificazione di quota cedibile dall'istituto di previdenza a cui si appartiene è il metodo più attendibile da seguire. Per ottenere la certificazione di quota cedibile in tempi rapidissimi, basta rivolgersi ad un consulente esperto convenzionato con l'ente previdenziale per rottenre tale documento gratuitamente.

Vuoi calcolare il quinto pensione per ottenere un prestito?

Trova un Consulente

Cosa fare per orientarsi nel calcolo rata cessione del quinto dello stipendio

Per i lavoratori dipendenti il calcolo della rata è più semplice. È possibile cedere fino a un quinto dello stipendio netto percepito, considerando tutte le mensilità, inclusa la tredicesima. Quindi per fare una stima autonomamente è sufficiente dividere per 5 l’importo netto della busta paga. Sempre che non vi siano già altre trattenute sullo stipendio.

Ipotizziamo ad esempio una busta paga mensile netta di 1.400 euro, è sufficiente procedere come segue.

  • 1.400 x 13 = 18.200 euro;
  • 18.200 : 12 = 1.516 euro;
  • 1.516 : 5 = 303 euro.

In questo specifico caso, la rata massima ammissibile (quota cedibile) per il finanziamento è quindi pari a 303 euro.

Se invece non si conosce l’importo dello stipendio netto, è comunque possibile effettuare una stima della quota cedibile partendo dal salario lordo. È il caso ad esempio di chi sta iniziando un nuovo lavoro e intende fare un calcolo cessione del quinto per conoscere le possibilità di finanziamento.

Da questo vanno sottratte le trattenute applicate in busta paga, pari al 27%. L’importo risultante dall’operazione va poi moltiplicato per le mensilità previste dal contratto di lavoro e successivamente diviso per 12, ossia il numero di mensilità annuali del finanziamento.

A questo punto per trovare la quota cedibile dello stipendio è sufficiente dividere l’importo ottenuto per 5. Il risultato corrisponde al valore massimo che può avere la rata mensile del prestito, detratta direttamente dallo stipendio.

Cerchi un preventivo per Cessione del Quinto?

Chiedilo ad un Consulente

Cessione del quinto calcolo importo finanziabile: ecco come farlo

Passiamo alla somma massima erogabile, altro fattore cruciale per il calcolo cessione del quinto. Viene calcolata in funzione del reddito percepito dalla persona che presenta l’istanza di finanziamento. A dispetto di quanto accade con i comuni prestiti personali, per cui la definizione dell’importo erogabile avviene in funzione del profilo creditizio del richiedente e delle garanzie presentate in aggiunta a busta paga o pensione (firma di un garante, immobili di proprietà, eccetera).

In altre parole, non sono considerati affidabilità finanziaria e beni di proprietà. La somma erogabile dipende esclusivamente dal salario netto del richiedente, ossia dalla quota cedibile. Più è alta la rata che viene corrisposta, maggiore è la liquidità che la banca è disposta a fornire. 

Chiaramente sull’importo massimo finanziabile ha un’incidenza diretta anche la durata del piano di ammortamento: più è lungo, più è alto l’importo che la banca è disposta a concedere. In particolare, la cessione del quinto può arrivare fino a 10 anni, estensione che difficilmente si riscontra nei tradizionali prestiti personali.

Naturalmente ci sono anche altri fattori che incidono sulla disponibilità della banca ad erogare una somma più o meno alta. Ad esempio, l’anzianità lavorativa e il TFR accantonato nel caso dei prestiti sullo stipendio. Quindi per una stima precisa e davvero attendibile è sempre preferibile rivolgersi ad un consulente finanziario specializzato in prestiti personali e calcolo cessione del quinto.

Tuttavia, è sempre possibile effettuare una simulazione calcolo cessione del quinto autonomamente, volta principalmente ad orientarsi nel panorama dei finanziamenti e avere un’idea delle proprie possibilità di accesso al credito. Il procedimento è semplice: si divide lo stipendio netto mensile per 5, in modo da trovare la quota cedibile. Questa va poi moltiplicata per il numero delle rate di rimborso. Ad esempio, nel caso di un finanziamento decennale per 120. Il risultato è l’importo finanziabile stimato.

Per chiedere una Cessione del Quinto,

affidati ai migliori esperti di zona.

Trova un Esperto

Cessione del quinto il calcolo del quinto cedibile è uguale per tutti?

Riprendendo il profilo di lavoratore, questa volta rispetto a prima facciamo nuovi calcoli per approfondire la risposta.

Per calcolare indicativamente il quinto cedibile, come abbiamo detto nei paragrafi precedenti si potrà effettuare una simulazione di questo tipo: 

  • stipendio netto mensile: € 1500
  • numero di mensilità percepite: 13

Avendo i dati di base procediamo con il seguente calcolo: 

1500 x 13 : 12 = quinto cedibile medio annuale di 325 euro

Il ragionamento alla base di questo nuovo paragrafo è di permettere di avere un'indicazione di importo quinto cedibile partendo dalla paga mensile (1500 euro) moltiplicata per il numero di mensilità percepite (13) diviso 12 (per ottenere la media mensile). In questo modo si potrà avere un'idea sulla quale poter fare le proprie valutazioni di massima sulla possibile esposizione massima a cui si potrebbe andare incontro. 

Il calcolo sopra riportato però è un esempio estremamente semplificato, nella realtà infatti in base ai paramentri dell'istituto erogante il ragionamento potrebbe cambiare. Dai nostri studi è emerso infatti che ci sono istituti che effettuano questo tipo di simulazione partendo dalla paga lorda e non dalla netta, altri prendono in considerazione il reddito lordo da ultimo modello Cud, altri ancora non moltiplicano la paga lorda per le mensilità medie percepite.

In ogni caso, per un calcolo cessione del quinto attendibile è sempre necessario consultare un consulente finanziario, meglio se con anni di esperienza nel settore del credito al consumo. Oltre ad ottenere una simulazione professionale, il contribuente puotrà così contare su una figura in grado di consigliarlo nella scelta del prestito più adatto alle sue esigenze ed ottenere con maggiore velocità il preventivo desiderato.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.