Come ottenere un mutuo per consolidamento debiti: requisiti e procedure
Articolo a cura di
Foto profilo di Redazione Tipresto
Redazione Tipresto
Pubblicato il: 24/12/2021
Tempo di lettura: 4 minuti
Condividi l'articolo

Come ottenere un mutuo per consolidamento debiti: requisiti e procedure

Introdotto dalla normativa italiana per evitare il sovraindebitamento dei consumatori, il mutuo per consolidamento debiti è un finanziamento a garanzia ipotecaria che consente di riunire le linee di credito già attive. I vantaggi di richiederlo spaziano da una rata più leggera a un allungamento del piano di rimborso. Ma come ottenere un mutuo per consolidamento debiti? Quali sono i requisiti?

Sommario

Requisiti per mutuo consolidamento debiti: ecco chi può ottenerlo

Trattandosi di un mutuo con garanzia ipotecaria, è indispensabile che il richiedente disponga di un immobile di proprietà. Su questo va attivata un’ipoteca per garantire la banca dal rischio di insolvenza e sulla base della quale si stima la somma finanziabile. Solitamente l’importo massimo erogabile non supera il 70-80% del valore attribuito alla casa in sede di perizia.

È essenziale inoltre che l’immobile su cui si applica l’ipoteca sia quello di residenza. A meno di eccezioni, infatti, le banche non accettano istanze di mutuo consolidamento debiti per cui il richiedente presenta come garanzia una seconda casa. 

Come per ogni altro finanziamento, gli istituti di credito effettuano una serie di verifiche prima di accordare il credito. E solo chi dispone di un solido profilo patrimoniale e creditizio ottiene il mutuo. Vale a dire che per ricevere il capitale serve un reddito fisso dimostrabile, con entrate mensili sufficienti a sostenere il pagamento delle rate periodiche stabilite per il piano di rimborso.

A tal proposito è importante ricordare che il rapporto rata-reddito viene considerato accettabile dagli istituti di credito solo quando i pagamenti non superano il 30-33% del reddito netto mensile percepito dal richiedente. Sempre restando in tema di requisiti da soddisfare per il mutuo per consolidamento debiti, in generale a chi ha un contratto di lavoro dipendente viene accordato il capitale solo se l’assunzione è a tempo indeterminato.

Quando il richiedente ha una ridotta anzianità lavorativa, sebbene soddisfi tutti i requisiti imposti dalla banca, può essere necessaria la presenza di un garante. Un coobbligato che si impegna a rimborsare le rate, qualora si verifichino episodi di insolvenza da parte del beneficiario. Non è inusuale la richiesta di un garante anche quando il soggetto che presenta la domanda di mutuo non ha uno storico creditizio (ossia non ha mai richiesto un prestito).

Vuoi chiedere un Mutuo Consolidamento debiti?

Trova un Consulente

Cosa sapere su cattivi pagatori e mutuo consolidamento

Un ulteriore aspetto di cui tenere conto prima di presentare una domanda di mutuo per consolidamento debiti è la segnalazione come cattivi pagatori. Chi ha avuto problemi con il rimborso di un passato finanziamento si trova infatti iscritto nelle liste SIC e CRIF. E la presenza in questi database costituisce per la banca un fattore sufficiente per considerare il cliente come finanziariamente inaffidabile.

Questo requisito riguarda anche l’eventuale garante. Il soggetto designato come coobbligato è chiamato infatti a fornire la massima tutela alla banca, e per questo deve avere un profilo impeccabile. Cosa fare se si è segnalati CRIF? Le soluzioni sono due: richiedere una cessione del quinto oppure attendere la regolarizzazione della propria posizione nelle banche dati sul merito creditizio, e presentare la domanda di mutuo solo successivamente.

L’assenza di una segnalazione è quindi un requisito indiscutibile per chiunque desideri ottenere credito. La ragione è semplice, al momento della valutazione della domanda la banca effettua diversi controlli sulla condizione del richiedente, e uno dei primi riguarda proprio la presenza del nominativo nei database SIC e CRIF. Ecco perché è fondamentale che ogni finanziamento sia sempre rimborsato nei tempi previsti.

Affidati ora ai migliori consulenti di Mutuo

Trova un Consulente

Quali documenti presentare per una domanda di consolidamento debiti mutuo

E per quanto riguarda i documenti, al momento della domanda di mutuo per consolidamento debiti ne sono richiesti diversi. In particolare, sono fondamentali tutti i dati anagrafici e la documentazione attestante la presenza delle garanzie necessarie per l’accesso al credito.

Con l’istanza di finanziamento vanno quindi prodotti:

  • busta paga e CUD se il richiedente è un dipendente, dichiarazione dei redditi se è un lavoratore autonomo, cedolino pensione se è un pensionato.
  • Atto di proprietà dell’immobile.

Ovviamente a questi si aggiungono i documenti anagrafici:

  • tessera sanitaria;
  • carta di identità;
  • stato di famiglia.

Affinché la banca o società finanziaria cui si rivolge l’istanza di mutuo per consolidamento debiti possa valutare correttamente la domanda, è fondamentale presentare tutti i conteggi estintivi dei finanziamenti che si desiderano consolidare. Documenti che vanno richiesti alle banche creditrici, meglio se con una certa celerità. La data di rilascio del conteggio estintivo dovrebbe essere il più vicina possibile a quella di richiesta del mutuo consolidamento debiti.

Per ottimizzare i tempi di richiesta, oltre che per avere maggiori probabilità di vedersi accettare la domanda di finanziamento, è preferibile rivolgersi ad un consulente del credito. Solo un professionista è in grado di supportare il cliente nella ricerca e produzione dei documenti necessari.

Ma il supporto di uno specialista è fondamentale anche per la valutazione della convenienza. I parametri di cui tenere conto sono molti e non si limitano a TAN e rata. E la consulenza di un operatore attivo da anni nel settore dei mutui è indispensabile per avere la certezza di trovare il mutuo per consolidamento debiti perfetto per le proprie esigenze.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.