Quando viene concesso il mutuo costruzione prima casa 100
Articolo a cura di
Foto profilo di Redazione Tipresto
Redazione Tipresto
Pubblicato il: 05/01/2022
Tempo di lettura: 4 minuti
Condividi l'articolo

Quando viene concesso il mutuo costruzione prima casa 100

Richiesto per la casa destinata a residenza, il mutuo edilizio è il finanziamento che consente di sostenere le opere per la costruzione dell’immobile nonostante l’assenza di un’abitazione su cui attivare l’ipoteca. Una condizione che comporta molte differenze operative, a partire da un’erogazione graduale della somma erogata, sulla base dell’avanzamento dei lavori. La somma finanziabile raggiunge, di solito, al massimo l’80% del valore dell’unità immobiliare, definito sulla base delle stime effettuate nel corso del tempo. Ci sono però alcuni casi in cui è possibile ottenere un mutuo costruzione prima casa 100.

Sommario

Quando sono concessi finanziamenti per costruzione prima casa al 100%

Con una durata del piano di ammortamento che può arrivare anche a 30 anni, il mutuo per costruire casa prevede condizioni simili ai tradizionali finanziamenti per la prima casa in merito a tasso e rate di ammortamento. Ciò che cambia in maniera determinante è invece la definizione della somma massima erogabile, per cui gioca un ruolo fondamentale il perito tecnico. 

Questo è infatti chiamato a stimare il valore che avrà la casa da costruire, basandosi sui progetti e, in un secondo momento, sui lavori di costruzione effettuati. Al variare delle sue stime si modifica quindi l’importo massimo ottenibile dal richiedente.

Il loan to value (LTV) generalmente non supera l’80%, ma ci sono anche casi in cui è possibile farsi accordare somme sufficienti a coprire l’intero costo dei lavori. Ipotesi in cui si parla di mutuo costruzione prima casa 100.

Chi può ottenerlo? Il requisito fondamentale è una posizione economica e patrimoniale impeccabile, meglio se con un rapporto rata-reddito relativamente basso. Sì, perché per accettare il finanziamento integrale della costruzione della casa, la banca pretende che il richiedente sia effettivamente in grado di coprire regolarmente le rate senza impattare eccessivamente sulle proprie economie. Ed è proprio a questo che serve il parametro del rapporto tra rata e reddito.

Se la rata mensile ha un importo superiore al 30-33% delle entrate mensili nette del soggetto che presenta la domanda, l’istanza viene automaticamente rigettata. Questa rappresenta infatti la soglia massima applicata solitamente dagli enti di credito.

Di conseguenza, quando l’intenzione è farsi finanziare completamente i lavori, il rapporto tra rata e reddito deve essere molto al di sotto della soglia del 30%. Possibilmente intorno al 10%. La banca ha così maggiore fiducia nelle capacità di rimborso del richiedente, che deve comunque presentare delle garanzie aggiuntive al reddito.

Cerchi un Mutuo costruzione al 100%?

Chiedi ora ad un Esperto e scopri se è possibile ottenerlo

Trova un Consulente

Mutuo per costruire casa al 100% con garante

Insieme al reddito da lavoro, la garanzia più accettata dalle banche che erogano il mutuo costruzione prima casa 100 è la fideiussione. Serve quindi un garante che si impegni a corrispondere le rate del mutuo nel caso in cui il beneficiario non sia in grado di farlo.

Solo unendo questa garanzia ad un reddito stabile con una buona anzianità professionale, ed entrate adeguate al rimborso delle rate, si hanno buone probabilità di vedersi accordare il 100% del valore della casa. Ma attenzione, perché quello del garante è un ruolo che può essere svolto solo da chi dispone di una serie di requisiti.

Come il mutuatario, il garante deve vantare un reddito fisso dimostrabile e avere un profilo impeccabile in termini patrimoniali. Inoltre, non deve essere segnalato come cattivo pagatore nelle liste SIC e CRIF, non deve aver subito protesti né pignoramenti. 

Se il soggetto designato come garante per il mutuo costruzione prima casa 100 non rispetta tutti i criteri, meglio non presentare la domanda perché molto probabilmente verrà rifiutata. Uno scenario assolutamente deprecabile, perché il rifiuto di un finanziamento appare come segnalazione nei database delle centrali del rischio creditizio e rende impossibile l’accesso a qualsiasi prestito o mutuo. Questa condizione si protrae per tutto il periodo della segnalazione, che solitamente è di 30 giorni.

Come evitare tutti questi inconvenienti? Semplice, ricorrendo all’assistenza di un consulente del credito specializzato in mutui. Solo con un professionista si ha la certezza di una gestione efficace e veloce delle pratiche burocratiche del mutuo per costruzione. A cui si aggiunge un supporto di alto valore per la selezione del prodotto che meglio risponde alle esigenze del cliente, tenendo conto delle sue aspettative e delle garanzie di cui dispone. 

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.