Perché l’anticipo TFS dipendenti pubblici in servizio non è possibile
Articolo a cura di
Foto profilo di Redazione Tipresto
Redazione Tipresto
Pubblicato il: 06/12/2021
Tempo di lettura: 3 minuti
Condividi l'articolo

Perché l’anticipo TFS dipendenti pubblici in servizio non è possibile

L’acquisto di una casa per il figlio, il finanziamento di un progetto, un importante intervento di ristrutturazione. Sono molte le ragioni che spingono i dipendenti pubblici alla ricerca di un’iniezione di liquidità a condizioni agevolate. E molti vedono la soluzione nell’anticipo TFS dipendenti pubblici in servizio, un’opzione senza dubbio allettante ma del tutto irraggiungibile.

Sommario

Accantonamento e calcolo TFS e TFR dipendenti pubblici anticipo

A differenza di quanto accade con i lavoratori del settore privato, infatti, per chi opera in ambito pubblico o statale, l’accantonamento di TFR e TFS è del tutto virtuale fino al momento del pensionamento. Le somme maturate a titolo di indennità non sono effettivamente versate su un fondo in azienda o su uno complementare.

Il TFS o TFR per i dipendenti pubblici viene calcolato al momento del pensionamento, sulla base delle retribuzioni percepite nell’ultimo anno di lavoro. L’importo è poi moltiplicato per un certo coefficiente e diviso per gli anni di servizio utili alla maturazione dell’indennità.

La quantificazione del TFS/TFR spettante ai lavoratori pubblici avviene quindi alla fine del rapporto di lavoro. Ecco perché l’anticipo TFS dipendenti pubblici in servizio non è una strada praticabile. Per ottenere un finanziamento prima del pensionamento, meglio ricorrere ad una cessione del quinto sullo stipendio.

Tornando alla questione della quantificazione del TFS/TFR, questa è prevista solo dopo la cessazione del servizio, che può avvenire per l’accesso a:

  • pensione di vecchiaia;
  • pensione anticipata.

Solo una volta a riposo il lavoratore scopre a quanto ammonta l’indennità spettante, richiedendo la relativa quantificazione all’ente erogatore (che nella maggior parte dei casi è l’Inps). E per chi sfrutta l’opzione Quota 100, il diritto all’erogazione dell’indennità si matura solo nel momento in cui il richiedente raggiunge i requisiti per il pensionamento con trattamento di vecchiaia o pensionamento anticipato.

Vuoi chiedere l'Anticipo del TFS?

Trova un Consulente

Domanda anticipazione TFR dipendenti pubblici in servizio: ecco perché presentarla

Sebbene i requisiti per l’accesso al TFS/TFR, e al relativo prestito di anticipo, si maturino solo con la pensione, un lavoratore che è prossimo al pensionamento può iniziare a presentare la richiesta di finanziamento. Perché farlo? Per accorciare i tempi tecnici dell’istanza di anticipo liquidazione statali e pubblici.

Sì, perché le tempistiche tendono ad essere piuttosto dilatate. Specie se si ricorre ai finanziamenti in convenzione, ossia erogati da banche che hanno aderito all’Accordo Quadro per l’anticipo a tasso agevolato. In questo caso, il pensionato ottiene fino a 45.000 euro a un interesse vantaggioso, ma l’iter di richiesta tende ad essere abbastanza complesso.

Inoltre, non è sempre possibile ottenere il 100% dell’indennità maturata. Cosa che invece è pressoché scontata quando ci si rivolge alle banche che operano senza sottostare alle regole dell’Accordo Quadro, ossia applicando tassi di interesse e condizioni di mercato. 

Una ragione in più per valutare l’inoltro della domanda di anticipo TFS dipendenti pubblici in servizio e ricorrere all’assistenza di un consulente del credito. Questo è un operatore con anni di esperienza che supporta il lavoratore pubblico nella selezione dell’opzione più conveniente. Valutando pro e contro del prestito anticipo TFS a tasso agevolato e dei finanziamenti erogati da banche non in convenzione. 

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.