Cause del mutuo Consap rifiutato: quando accade e perché
Articolo a cura di
Foto profilo di Redazione Tipresto
Redazione Tipresto
Pubblicato il: 22/03/2022
Tempo di lettura: 3 minuti
Condividi l'articolo

Cause del mutuo Consap rifiutato: quando accade e perché

Istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze con la legge n. 147 del 27 dicembre 2013, e recentemente rifinanziato con il “Decreto Sostegni-bis” (DL. n.73 del 25 maggio 2021), il Fondo di garanzia Mutui per la prima casa agevola l’accesso al credito per l’acquisto dell’abitazione destinata a residenza. E sebbene la garanzia statale sia rivolta a tutti i contribuenti che soddisfano i requisiti fissati dal Fondo, c’è il rischio di ritrovarsi con un mutuo Consap rifiutato.

Quando aspettarsi questo inconveniente? Ovviamente la banca non concede mutuo quando la richiesta avanzata non rispecchia le caratteristiche previste dal Fondo prima casa. Tra i principali motivi rifiuto mutuo ci sono quindi i seguenti scenari.

  • La richiesta della garanzia statale per un finanziamento di importo superiore a 250.000 euro.
  • L’immobile oggetto del mutuo per cui si richiede la garanzia statale rientra in una delle seguenti categorie catastali: A1, A8, A9.
  • L’abitazione oggetto del mutuo non è l’unica di proprietà del richiedente o presenta le caratteristiche di lusso specificate dal decreto del Ministero dei lavori pubblici n.1072 del 2 agosto 1969.

Sommario

Vuoi chiedere un Mutuo?

Affidarsi ad un consulente è la scelta giusta!

Trova un Consulente

Altre situazioni in cui si verifica la delibera mutuo negativa per la garanzia Consap

Quelle descritti nelle righe precedenti sono solo alcune delle motivazioni che portano di frequente alla delibera mutuo negativa da parte del Fondo prima casa. Ma il rischio che il finanziamento venga rifiutato riguarda anche altri scenari.

La delibera per un mutuo Consap rifiutato può arrivare quando il richiedente soddisfa tutti i requisiti imposti dal Fondo. È il caso delle domande presentate in un momento di penuria di risorse economiche. Sì, perché anche se periodicamente rifinanziato, il Fondo di garanzia Mutui per la prima casa ha un budget limitato. Quando le domande eccedono la disponibilità, si parla di delibera mutuo negativa per incapienza del Fondo.

Può succedere poi che la richiesta di garanzia venga rifiutata nella fase di istruttoria. Ossia, al momento della domanda il Fondo dispone delle somme necessarie a coprire la richiesta, ma quando l’istanza viene sottoposta alle verifiche di rito, risulta incompleta, formalmente non regolare o non in linea con i requisiti. 

Per le istanze che non rispettano i requisiti, non c’è modo di ottenere la garanzia. Lo stesso vale per chi presenta una domanda di mutuo Consap con documentazione incompleta o irregolare. C’è poi un altro scenario in cui il soggetto che richiede il mutuo non ottiene la garanzia statale. Si tratta delle richieste regolari, e quindi accettate dal Fondo, che non vengono perfezionate nei termini temporali stabiliti dalla normativa.

Del resto la decisione finale per l’accettazione o il rifiuto dell’istanza di mutuo con garanzia statale è sempre lasciata alla banca presso cui si presenta la richiesta. Quindi anche se il Fondo prima casa accetta il mutuo Consap, l’istituto di credito ha il potere di rigettarlo, determinando un mutuo Consap rifiutato.

Le possibili evoluzioni di una richiesta di mutuo Consap andrebbero comunque sempre discusse e affrontate con un consulente del credito specializzato nel settore mutui.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.