Rinegoziare mutuo Consap: come funziona e quando spetta
Articolo a cura di
Foto profilo di Redazione Tipresto
Redazione Tipresto
Pubblicato il: 21/06/2022
Tempo di lettura: 3 minuti
Condividi l'articolo

Rinegoziare mutuo Consap: come funziona e quando spetta

Il Fondo Prima Casa Consap non serve solo alla concessione di mutui per l’acquisto dell’abitazione con una garanzia statale. Fornisce supporto anche a quanti hanno già in corso finanziamento per cui la banca o società finanziaria creditrice di primo grado ha dato il via ad una procedura esecutiva. Situazioni in cui il beneficiario può ottenere una rinegoziazione mutuo Consap.

Questo genere di attività del Fondo è finalizzato a dare assistenza ai consumatori che si trovano in grave difficoltà economica. Tutti i contribuenti che si trovano a subire una procedura esecutiva possono infatti richiedere una rinegoziazione sfruttando i benefici del Fondo Prima Casa.

La normativa di riferimento è il decreto legge n. 124 del 26 ottobre 2019, convertito dalla Legge n. 157 del 19 dicembre 2019. Questo stabilisce che i soggetti titolari di un mutuo ipotecario per l’acquisto della prima casa che hanno subito un pignoramento dell’immobile da parte della banca erogatrice, possono richiedere la rinegoziazione del mutuo.

In alternativa, è possibile presentare domanda per un rifinanziamento ad un istituto di credito terzo, attraverso una surroga dell’ipoteca posta a garanzia del mutuo, per l’estinzione del finanziamento esistente. Sempre potendo contare sul supporto del Fondo Prima Casa e a condizione di rispettare le tempistiche indicate dallo stesso Consap Fondo

Va comunque precisato che, a differenza di quanto accade per il mutuo casa Cosap (concesso anche con garanzia statale dell’80%), la rinegoziazione mutuo Consap è possibile solo con garanzia statale al 50% dell’importo rinegoziato. Lo stesso vale per chi sceglie la surroga mutuo Consap, per cui la garanzia al 50% è calcolata sulla base della quota capitale del finanziamento.

La richiesta di rinegoziazione o surroga con garanzia statale va trasmessa direttamente alla banca o società finanziaria erogante, che nel secondo caso è un nuovo ente di credito.

Sommario

Vuoi surrogare il

tuo vecchio Mutuo?

Trova un Consulente

Chi può ottenere la rinegoziazione mutuo prima casa Consap

Ma chi può ottenere la rinegoziazione mutuo Consap? I requisiti da rispettare sono molti. Il soggetto che richiede la rinegoziazione o surroga mutuo avvalendosi della garanzia statale deve soddisfare le seguenti condizioni. 

  • Il debito complessivo calcolato nell’ambito della procedura esecutiva non deve essere superiore a 250.000 euro, ai sensi dell’art.2855 cc. E l’importo offerto per la richiesta di rinegoziazione o surroga deve corrispondere al minor valore tra debito (per capitale e interessi) e il 75% del prezzo base d’asta attribuito all’abitazione. Prezzo che viene stabilito dall’esperto di cui all’art. 569 del cpc.
  • Il finanziamento rinegoziato, o il nuovo mutuo stipulato per via della surroga, deve avere una durata compresa tra 10 e 30 anni. La durata del mutuo sommata all’età del debitore non deve superare gli 80 anni.
  • Il mutuatario deve risultare debitore esecutato nella procedura esecutiva che riguarda l’immobile adibito a residenza.
  • Il mutuo deve essere un finanziamento ipotecario di primo grado e interessare l’unità immobiliare utilizzata come residenza principale del debitore già alla data di attivazione della procedura esecutiva.
  • L’immobile deve risultare prima casa anche alla data dell’atto della sottoscrizione della richiesta di surroga o rinegoziazione mutuo Consap.
  • Il titolare del mutuo deve già aver provveduto al rimborso del finanziamento in una misura non inferiore al 5% del capitale.
  • L’immobile oggetto del mutuo non deve avere caratteristiche di lusso (con riferimento al decreto del Ministro per i lavori pubblici n. 1072 del 2 agosto 1969) e non deve rientrare nelle categorie catastali A1, A8 e A9.
  • Se non dal debitore principale, la richiesta può essere avanzata dal coniuge o dal convivente o dalla parte dell'unione civile. Possono presentare domanda anche parenti e affini entro il terzo grado.

Viste le numerose variabili, la scelta migliore per accorciare i tempi di richiesta è ricorrere al supporto di un consulente creditizio.

Affidati ad un Esperto per

rinegoziare il tuo Mutuo!

Trova un Consulente

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.