Prestito per anticipo TFR tempi di erogazione e quando richiederlo
Articolo a cura di
Foto profilo di Redazione Tipresto
Redazione Tipresto
Pubblicato il: 06/12/2021
Tempo di lettura: 4 minuti
Condividi l'articolo

Prestito per anticipo TFR tempi di erogazione e quando richiederlo

Vantaggioso per i lavoratori pubblici e statali che mirano ad ottenere la liquidazione del più breve tempo possibile, l’anticipo TFS/TFR è il finanziamento che consente di cedere il diritto all’indennità in cambio dell’erogazione immediata della somma spettante. Si può chiedere una parte del TFR/TFS o il versamento dell’intero importo, ma in ogni caso incidono sull’anticipo TFR tempi di erogazione e di richiesta.

Sì, perché la domanda non può essere presentata in qualsiasi momento, né da chiunque. Stando a quanto stabilito dalla normativa, hanno accesso all’anticipo TFS/TFR gli ex dipendenti statali e pubblici che accedono al pensionamento disponendo dei requisiti stabiliti dal decreto-legge n. 4/2019 o dal decreto-legge n. 201 del 6 dicembre 2011. Vale a dire i titolari di:

  • Quota 100;
  • Pensione anticipata;
  • Pensione di vecchiaia.

Va inoltre specificato che esistono varie tipologie di finanziamento per anticipo, che può essere erogato:

  • in convenzione solo dalle banche che hanno aderito all’Accordo Quadro (di cui all’articolo 23, comma 2 del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4),
  • oppure erogato non in convenzione da tutte le banche che non applicano le condizioni agevolate stabilite dall’Accordo
  • ed anche da quelle che pur avendo aderito alla convenzione possono operare a tassi di mercato per importi superiori ai 45.000 euro o quando non vi siano i requisiti per procedere a tasso agevolato.

A seconda della scelta, variano le condizioni di rimborso e i tempi di erogazione.

Sì, perché oltre a prevedere tassi di interesse e limiti di importo differenti, le vari tipologie di finanziamento seguono procedure completamente differenti. Di conseguenza, chi ha fretta di ottenere la somma spettante a titolo di TFS/TFR dovrebbe valutare anche questo aspetto prima di scegliere quale finanziamento sottoscrivere.

Sommario

Cosa incide sui tempi di erogazione anticipo TFR e quando è possibile richiederlo

Prestito per anticipo TFS quando si può chiedere? A differenza di quanto accade con l’anticipo TFR dipendenti privati, l’anticipo TFS/TFR per i dipendenti pubblici è possibile solo con l’accesso alla pensione. È comunque possibile procedere con le fasi preliminari in anticipo, in modo da accorciare i tempi tecnici della richiesta, che nel caso dei prestiti in convenzione tendono ad essere piuttosto lunghi.

La presentazione della domanda di finanziamento può avvenire non appena c’è l’accesso alla pensione. Ai fini della valutazione della fattibilità la banca richiede una serie di documenti, variabili a seconda del tipo di finanziamento e che hanno un’incidenza diretta in termini di anticipo TFR tempi di erogazione.

C’è però un’attestazione che resta sempre necessaria: la certificazione di quantificazione del TFS/TFR. Questa viene prodotta dall’ente erogatore della liquidazione, che nella maggior parte dei casi è l’Inps. Altrimenti a fare da erogatore è l’amministrazione di appartenenza dell’ex lavoratore pubblico.

Per la trasmissione della certificazione del diritto al trattamento l’Inps ha a disposizione 90 giorni a partire dalla data di ricezione della richiesta. Ecco perché è consigliabile muoversi il prima possibile, in modo da ridurre al minimo le pratiche che influenzano anticipo TFR tempi di erogazione e ottenere la liquidazione in un termine relativamente breve.

È comunque possibile inoltrare una richiesta di finanziamento alla banca anche se non si è ancora in possesso del documento, svolgendo intanto le procedure relative alla documentazione anagrafica del richiedente. Resta però essenziale presentare la certificazione di quantificazione. Altrimenti la richiesta di finanziamento non può avere seguito.

Vuoi chiedere l'Anticipo del TFS?

Trova un Consulente

Quali sono i tempi di erogazione per anticipo TFR/TFS a tasso agevolato e non

Passiamo quindi ai tempi di erogazione per anticipo TFR/TFS. Naturalmente anche questi variano a seconda che si tratti di un finanziamento in convenzione o erogato in regime di non convenzione.

In particolare, per l’anticipo TFR tempi di erogazione sono vincolati alle procedure di richiesta e comunicazione tra i vari enti coinvolti. Prevedendo la cessione dell’indennità maturata, infatti, questo particolare finanziamento ha procedure diverse dai tradizionali prestiti.

Il risultato è che anche una volta ottenuta la certificazione da parte dell’ente erogatore, il soggetto che desidera beneficiare dei vantaggi dell’Accordo Quadro deve attendere altri due step dell’iter di richiesta prima di vedersi erogare il denaro. Avendo in mano tutti i documenti, infatti, l’ex lavoratore pubblico o statale deve provvedere a inoltrare la domanda alla banca di interesse, utilizzando l’apposito modulo. E poi attendere che l’ente bancario accetti la proposta e comunichi questa sua volontà all’ente erogatore dell’indennità.

A questo punto l’ente erogatore ha 30 giorni per effettuare le verifiche di routine e, in caso di esito positivo, trasmettere alla banca la presa d’atto positiva. Solo in presenza di quest’ultimo documento il contratto si considera perfezionato e la somma finanziata può essere versata sul conto corrente del beneficiario. L’ erogazione avviene nell’arco di 15 giorni da quando il contratto diventa efficace.

Quanto invece all’anticipo TFR tempi di erogazione per i finanziamenti non in convenzione, la procedura segue le logiche di un normale finanziamento. Una volta ricevuta la domanda corredata di tutta la documentazione (inclusa la certificazione dell’Inps) la banca valuta la situazione del richiedente ed effettua eventuali verifiche relative alla fattibilità del prestito.

Generalmente i tempi sono più brevi di quelli per l’anticipo a tasso agevolato, ma per accorciarli ulteriormente è consigliabile ricorrere al supporto di un consulente del credito, in grado di reperire velocemente tutta la documentazione necessaria.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.