Condizioni e requisiti cessione del quinto pensionati ex Inpdap
Articolo a cura di
Foto profilo di Admin Tipresto
Admin Tipresto
Pubblicato il: 15/11/2021
Tempo di lettura: 5 minuti
Condividi l'articolo

Condizioni e requisiti cessione del quinto pensionati ex Inpdap

I prestiti su cessione del quinto pensionati ex Inpdap sono finanziamenti non finalizzati a tasso di interesse fisso. Come ogni cessione del quinto, si basano sul meccanismo della decurtazione diretta della rata e hanno un piano di rimborso con pagamenti mensili. Come è facile comprendere, si tratta di linee di credito rivolte ai dipendenti pubblici in pensione, ossia agli iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps.

Le ragioni per scegliere questo tipo di finanziamento sono molte. Innanzitutto la possibilità di ottenere denaro senza specificare all’ente di credito l’utilizzo che si intende farne. Ma anche la sicurezza di un piano di ammortamento con rate di importo costante. L’ideale per pianificare le spese familiari con il minimo sforzo.

Altro vantaggio legato alla cessione del quinto pensionati Inpdap è l’accesso al credito anche per chi ha avuto problemi nel rimborso dei passati finanziamenti. Il tasso di interesse applicato dalle banche convenzionate con l’ente previdenziale è agevolato, così da garantire ai pensionati ex Inpdap le migliori condizioni del mercato.

 Senza dimenticare che il piano di ammortamento può estendersi fino a 10 anni. Durata che difficilmente si ottiene con i tradizionali prestiti personali e che consente di ottenere una rata di ammortamento sostenibile anche a fronte di importi relativamente alti (ad esempio per linee di credito che superano i 20 mila euro).

 

 

 

 

Requisiti Inpdap cessione del quinto della pensione

Chi può ottenere la cessione del quinto pensionati ex Inpdap? Sono finanziamenti rivolti agli iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps che percepiscono un trattamento previdenziale. La normativa non prevede un requisito anagrafico da rispettare. Tuttavia solitamente sono concessi finanziamenti solo a condizione che, alla data prevista per la scadenza del rimborso, il beneficiario non superi gli 86 anni di età. Ci sono comunque istituti di credito che concedono prestiti fino a 90 anni.

In ogni caso, ai fini dell’accesso al credito è necessario che il richiedente risulti in un buono stato di salute. Altrimenti sarà impossibile ottenere la polizza assicurativa sul rischio vita obbligatoria. Copertura, imposta per legge, che tutela l’istituto di credito dal rischio di premorienza.

Inoltre, a differenza di quanto accade con altre tipologie di finanziamento, con la cessione del quinto della pensione il profilo creditizio del richiedente passa in secondo piano. Vale a dire che hanno accesso al credito anche quanti hanno riscontrato difficoltà con i passati finanziamenti. Ad esempio, persone segnalate nei database SIC come cattivi pagatori, pignorati o protestati.

Quando non è possibile ottenere la cessione del quinto pensionati Inpdap

Ci sono alcune categorie di pensionati esclusi dall’accesso alla cessione del quinto pensionati ex Inpdap. In particolare, i titolari di:

  • APE Sociale;
  • pensioni sociali;
  • assegni sociali;
  • invalidità civili; 
  • prestazioni di esodo ex art. 4, commi da 1 a 7 – ter, della Legge n. 92/2012;
  • assegni al nucleo familiare;
  • assegni di sostegno al reddito;
  • assegni per l'assistenza ai pensionati per inabilità.

Naturalmente anche la mancanza del buono stato di salute impedisce l’accesso al credito. Perché in quel caso nessuna compagnia assicurativa sarebbe disposta a concedere la copertura sul rischio vita, indispensabile per l’erogazione del credito.

La presenza di numerosi requisiti da rispettare, oltre alle condizioni non sempre facili da comprendere, rende preferibile analizzare le offerte Inpdap cessione del quinto della pensione presenti sul mercato con il supporto di un operatore specializzato.

È il caso dei consulenti creditizi abilitati specializzati in credito al consumo, soggetti in grado di valutare con professionalità e precisione i pro e i contro di ogni proposta di finanziamento. Ma anche di aiutare il pensionato a comprendere quali siano le sue effettive esigenze finanziarie.

Rata, tasso e importo finanziabile cessione del quinto per pensionati Inpdap

Trattandosi di prestiti su cessione del quinto della pensione, la rata mensile ha importo costante e viene decurtata direttamente dalla pensione ad opera dell’Istituto previdenziale. È l’Inps infatti a fare da tramite tra debitore e banca creditrice per il pagamento delle rate di ammortamento.

L’importo massimo della rata non può eccedere un quinto della pensione netta, nel rispetto della salvaguardia della pensione minima. Questo calcolo viene effettuato dall’ente previdenziale, che rilascia al pensionato la dichiarazione di quota cedibile. Documento da presentare all’istituto di credito presso cui si desidera attivare il finanziamento, ma che normalmente non è richiesto quando ci si rivolge a banche o società finanziarie convenzionate con la Gestione Dipendenti Pubblici dell’Inps.

Questo perché gli accordi sottoscritti consentono la produzione della dichiarazione di quota cedibile in autonomia. Nonché condizioni vantaggiose per il beneficiario della cessione del quinto pensionati ex Inpdap, che si vede generalmente applicare tassi di interesse competitivi.

Quanto si ottiene con un prestito Inpdap cessione del quinto pensionati? La somma erogabile varia in funzione della quota cedibile e della durata dell’ammortamento, che non può comunque eccedere i 10 anni.

Va inoltre precisato che, rientrando nella categoria dei finanziamenti Inps, la cessione del quinto pensionati ex Inpdap beneficia della tutela dell’iscritto prevista dall’istituto previdenziale. Prima di versare le somme dovute a titolo di rimborso in favore della banca o società finanziaria, l’Inps verifica infatti che l’ente di credito disponga di tutti i requisiti necessari per operazioni di questo tipo. In accordo con la normativa vigente.

Non solo. Viene effettuato un controllo sul tasso di interesse, che deve necessariamente essere al di sotto della soglia antiusura stabilita per legge. Sono oggetto di verifica anche l’importo della rata mensile e la presenza nel contratto di finanziamento delle indicazioni relative a tutte le voci di spesa.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.