Vantaggi e beneficiari della cessione del quinto Enpam
Articolo a cura di
Foto profilo di Admin Tipresto
Admin Tipresto
Pubblicato il: 15/11/2021
Tempo di lettura: 3 minuti
Condividi l'articolo

Vantaggi e beneficiari della cessione del quinto Enpam

La Fondazione Enpam (Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri) eroga trattamenti previdenziali in favore di iscritti all’ente e familiari superstiti. Come molti altri enti di previdenza, ha sottoscritto delle convenzioni con banche e società finanziarie per agevolare i propri iscritti nell’accesso al credito. Un quadro di cui fanno parte i finanziamenti su cessione del quinto Enpam per pensionati.

 

 

 

 

A chi sono rivolti i finanziamenti Enpam cessione del quinto

Cumulabile con trattamenti previdenziali erogati da altri enti, la pensione Enpam si differenzia dai comuni trattamenti pensionistici per la sua particolare struttura. È infatti composta dalla Quota A, ossia da un trattamento di base, e da un’ulteriore quota calcolata in base ai contributi versati e all’attività professionale dell’iscritto.

Tutti i medici e gli odontoiatri iscritti all’ordine hanno diritto alla pensione di base, mentre per la quota aggiuntiva l’erogazione non è scontata. E nell’eventualità che venga concessa, la misura in cui è corrisposta varia in funzione del profilo del richiedente (anzianità contributiva, attività svolta, eccetera).

Come già accennato, la pensione Enpam può assumere diverse forme. L’ente eroga infatti:

  • pensione di vecchiaia;
  • pensione anticipata;
  • trattamenti previdenziali per inabilità assoluta e permanente;
  • pensioni in favore di familiari superstiti di iscritti deceduti.

I soggetti che percepiscono questi trattamenti sono quindi i potenziali beneficiari dei prestiti cessione del quinto Enpam. A questi si aggiunge però un'altra categoria: i dipendenti Enpam, che hanno la possibilità di richiedere credito agevolato alle stesse condizioni riservate agli iscritti. Beneficiando quindi dei vantaggi dei finanziamenti erogati dagli istituti di credito che hanno sottoscritto delle specifiche convenzioni con la Fondazione.

Si tratta di particolari accordi che consentono agli iscritti Enpam l’accesso al credito a condizioni agevolate, sia per esigenze professionali che per questioni personali. Le convenzioni non si limitano infatti ai finanziamenti su cessione del quinto della pensione, ma riguardano anche la possibilità di ottenere prestiti finalizzati e mutui in convenzione.

Tra le varie finalità per cui è possibile ricorrere al credito agevolato ci sono adeguamento dei locali adibiti a studio professionale, acquisto di macchinari, acquisto o ristrutturazione di immobili residenziali. La domanda di finanziamento va presentata direttamente alla banca o società finanziaria prescelta. 

Condizioni del prestito Enpam su cessione del quinto pensione

Tra i prestiti Enpam in convenzione c’è la cessione del quinto della pensione, una soluzione messa a disposizione da diversi istituti di credito. E sebbene tutti siano tenuti a rispettare le condizioni imposte dagli accordi sottoscritti con l’ente, agli istituti di credito viene lasciata una certa discrezionalità in relazione al singolo prodotto.

In altre parole, rivolgendosi ad una banca o società finanziaria convenzionata con l’ente previdenziale, il pensionato Enpam ha la certezza di ottenere condizioni agevolate per la cessione del quinto. Tuttavia possono presentarsi delle differenze tra le proposte. Un fenomeno determinato anche dall’incidenza del profilo del richiedente nella definizione del tasso di interesse.

Sì, perché il tasso di interesse cresce in funzione dei rischi associati al profilo del pensionato e della somma richiesta. Ecco perché la convenienza del finanziamento andrebbe valutata caso per caso, con competenze che solo un esperto del credito è in grado di mettere a disposizione. Una ragione in più per farsi supportare da uno specialista del settore nella ricerca della cessione del quinto Enpam migliore e nella raccolta dei documenti necessari in sede di domanda.

Il funzionamento dei finanziamenti Enpam segue la normativa della cessione del quinto, il cui principale riferimento è la Legge 180/50. La rata mensile viene decurtata dalla pensione e non può eccedere un quinto del trattamento previdenziale netto, nel rispetto della salvaguardia della pensione minima. Il tasso di interesse è fisso e la durata può estendersi al massimo per 10 anni.

Sebbene la normativa di riferimento non imponga un limite anagrafico esatto, per la cessione del quinto Enpam andrebbe considerata un’età massima di 85 anni alla scadenza del rimborso. È questa, infatti, la soglia limite per la concessione prestiti Enpam adottata dagli istituti convenzionati. In particolare, tra questi ci sono Deutsche Bank, IBL Banca, BNL.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.