Cos’è la Legge Bersani surroga mutuo e come ha cambiato la portabilità
Articolo a cura di
Foto profilo di Redazione Tipresto
Redazione Tipresto
Pubblicato il: 25/01/2022
Tempo di lettura: 3 minuti
Condividi l'articolo

Cos’è la Legge Bersani surroga mutuo e come ha cambiato la portabilità

Dapprima emanata come Decreto Legge n.7 del 31 gennaio 2007, e poi convertita nella Legge n.40 del 2 aprile 2007, la Legge Bersani surroga mutuo è la normativa fondamentale dell’attuale regolamento in materia di portabilità dei finanziamenti a garanzia ipotecaria. Di cosa si tratta? È la norma con cui è stata stabilita la gratuità del trasferimento di un mutuo in corso presso un’altra banca. Operazione che, perché si possa parlare di surroga, non comporta nuove iniezioni di liquidità. 

Con la surroga mutuo, quindi, l’importo del finanziamento resta costante e il vantaggio per il cliente consiste nella possibilità di risparmiare su tasso di interesse e spese periodiche. Il trasferimento del finanziamento, e della contestuale ipoteca, presso la nuova banca consente infatti l’applicazione di condizioni di rimborso completamente diverse rispetto a quelle previste dall’ente di credito che ha originariamente erogato il mutuo. 

Questi benefici sono merito del cosiddetto pacchetto liberalizzazioni, di cui la Legge Bersani surroga mutuo fa parte. Lo scopo di questo insieme di norme era agevolare l’apertura dei mercati, con modifiche a supporto del consumatore. Fino all’entrata in vigore di queste nuove regolamentazioni, infatti, il trasferimento dei mutui in corso (come del resto quello delle assicurazioni e di diversi altri prodotti) comportava l’applicazione di penali da parte delle banche. Oneri che rendevano, di fatto, sconveniente la surroga per la maggior parte dei mutuatari.

Sommario

Vuoi chiedere la portabilità del tuo Mutuo?

Trova un Consulente

Come la Legge Bersani mutui ha cambiato le regole della surroga

La Legge Bersani surroga mutuo ha introdotto modifiche estremamente rilevanti per quanto riguarda non solo la surroga, ma anche l’estinzione anticipata dei finanziamenti a garanzia ipotecaria. Entrando nello specifico delle variazioni normative relative alla portabilità del mutuo, la norma prevede il trasferimento del mutuo in corso dalla banca erogatrice ad un altro istituto di credito che se ne fa carico, estinguendo il debito presso la banca originaria.

Operazione che avviene, in forza della Legge Bersani portabilità mutui, senza costi per il beneficiario. Inoltre, la normativa stabilisce che la nuova banca subentri nel contratto al posto dell’ente creditizio originario. Sono mantenute le garanzie reali, personali e, se presenti, quelle accessorie. Resta immutato anche l’importo originale del finanziamento, ma possono variare la durata dell’ammortamento, la frequenza dei pagamenti, il tasso di interesse, lo spread e le altre voci di spesa fissate direttamente dalla banca.

La legge surroga stabilisce poi la nullità di qualsiasi patto stipulato tra banca e beneficiario che impedisce la portabilità o la rende onerosa. Allo stesso modo, è vietato alla banca l’addebito di qualsiasi spesa connessa alla produzione del contratto di mutuo, nonché per la spedizione dello stesso.

Chiaramente la surroga mutuo Legge Bersani è una soluzione vantaggiosa per tutti coloro che hanno attivato un mutuo a condizioni di mercato meno convenienti di quelle disponibili al momento della portabilità. Tuttavia, il trasferimento del mutuo non è sempre consigliabile.

In linea di massima l’attivazione della surroga è da preferire quando il mutuatario ha rimborsato un numero di rate relativamente basso. Quando invece restano pochi anni del piano di ammortamento, la portabilità è un’opzione da ponderare. In ogni caso, prima di prendere una decisione definitiva è buona regola affrontare la questione con un operatore del credito. Solo una figura professionale specializzata è in grado di sciogliere ogni dubbio del mutuatario. 

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.