Perché scegliere i prestiti ristrutturazione casa e quando richiederli
Articolo a cura di
Foto profilo di Redazione Tipresto
Redazione Tipresto
Pubblicato il: 06/12/2021
Tempo di lettura: 5 minuti
Condividi l'articolo

Perché scegliere i prestiti ristrutturazione casa e quando richiederli

Destinati al finanziamento degli interventi in interni ed esterni, i prestiti ristrutturazione casa sono la soluzione ideale per rinnovare l’ambiente domestico senza stress. Consentono infatti di gestire le spese con una rateizzazione sostenibile, potendo godere fin da subito del piacere di una casa più bella e confortevole.

Si tratta di finanziamenti accessibili sia per l’ammodernamento di una casa appena acquistata che per la ristrutturazione della casa di residenza. La durata del piano di ammortamento non eccede solitamente i 10 anni, mentre la somma finanziabile è definita in funzione del reddito del richiedente. Ma in linea di massima, non vengono concessi importi superiori a 60.000 euro.

La ragione di questo limite all’importo finanziabile? Semplice, il prestito ristrutturazione casa rientra nella categoria dei prestiti personali e per questo non prevede di norma garanzie ipotecarie. La principale forma di tutela per l’istituto bancario è data dal reddito fisso e dimostrabile del richiedente. Ecco perché, la somma finanziabile non va oltre certe soglie, che possono comunque variare in base a quanto stabilito dall’istituto di credito.

Sommario

Ammoderna casa senza mutuo grazie al prestito per ristrutturazione

Sebbene rientrino nella grande famiglia dei prestiti personali, i prestiti ristrutturazione casa prevedono alcune regole specifiche. Questo perché consentono di ottenere somme estremamente elevate se paragonate a quelle normalmente concesse tramite finanziamenti senza ipoteca.

Quindi, anche se la normativa non lo impone, quando si intende richiedere un prestito personale con finalità di ristrutturazione è conveniente specificarlo fin da subito alla banca. In questo modo si beneficia della possibilità di finanziare buona parte dei lavori, e in alcuni casi anche l’intero intervento, con tutti i vantaggi dei prestiti personali. Tra questi ultimi ci sono piano di rimborso a rate costanti, tasso fisso e rimborso con pagamenti che possono estendersi anche per 10 anni.

Inoltre, a differenza di quanto accade con i prestiti finalizzati, il capitale viene erogato direttamente al beneficiario. Non ci sono quindi intermediazioni da parte di aziende convenzionate con l’istituto di credito.

I prestiti ristrutturazione casa presentano numerosi vantaggi anche nel confronto con il mutuo per ristrutturazione. Quest’ultimo infatti implica costi notarili e l’attivazione di un’ipoteca sull’immobile, assenti nel caso del prestito. Senza contare che ricorrendo ad un prestito, invece che ad un mutuo, le procedure di richiesta e valutazione della domanda sono più semplici e veloci. Il credito arriva quindi nelle tasche del richiedente in tempi più brevi.

Vuoi chiedere un Prestito Personale?

Trova un Consulente

Finalità del prestito ristrutturazione: ecco per quali interventi è ammesso

Ma quando è possibile ottenere il prestito per ristrutturazione casa? Gli interventi finanziabili si dividono in tre categorie principali.

  • Interventi di ristrutturazione con piccole opere o manutenzione ordinaria. Si tratta di lavori con effetti e costi relativamente ridotti, ad esempio il cambio della pavimentazione, che richiedono solo la presentazione del preventivo di spesa, necessario alla definizione dell’importo finanziabile.
  • Opere di ristrutturazione configurabili come manutenzione straordinaria dell’immobile. Sono compresi in questa categoria i lavori che incidono su elementi portanti della struttura, ma anche quelli che riguardano elementi primari. Come ad esempio la realizzazione di un cappotto termico. In questo caso è consigliabile presentare alla banca o finanziaria il preventivo di spesa, il progetto e la domanda di autorizzazione edilizia inoltrata all’amministrazione locale.
  • Grandi opere di ristrutturazione, mirate a modificare il perimetro dell’abitazione o delle sue pertinenze. Rientrano in questi interventi la costruzione di box e l’ampliamento dei locali esistenti. Al momento della richiesta di prestiti ristrutturazione casa, sono da presentare il preventivo di spesa, la documentazione attestante la concessione edilizia e la ricevuta del versamento effettuato all’amministrazione comunale di competenza.

Vuoi chiedere un Prestito Personale?

Trova un Consulente

Quali documenti servono per richiedere prestiti per ristrutturazione

Come già accennato, i documenti da presentare per ottenere i prestiti ristrutturazione casa sono numerosi e variabili a seconda del tipo di intervento. Ecco perché, prima di presentare la domanda di finanziamento è preferibile avere tutti gli incartamenti necessari.

Come procedere? L’ideale è presentare per prima cosa la richiesta di autorizzazione all’amministrazione comunale di competenza, corredata della Dichiarazione di Inizio Lavori (DIA). Quest’ultimo documento deve necessariamente essere firmato da un tecnico autorizzato, altrimenti la domanda viene automaticamente rigettata.

Una volta in possesso dell’autorizzazione del Comune, vanno raccolti i documenti necessari a seconda del tipo di intervento, come specificato nei paragrafi precedenti. Non basta, alla banca o società finanziaria presso cui si desidera attivare il finanziamento vanno presentati anche i documenti anagrafici e reddituali.

Sono quindi richiesti:

  • documento di identità;
  • codice fiscale;
  • busta paga e CUD, oppure dichiarazione dei redditi (per i lavoratori autonomi), o cedolino pensione;
  • documentazione attestante la presenza di eventuali garanzie aggiuntive richieste dall’istituto di credito.

È evidente che la raccolta di tutta la documentazione necessaria alla richiesta di finanziamento può diventare un procedimento complesso e lungo. Ma si semplifica ricorrendo all’assistenza di un consulente specializzato in credito al consumo.

Rivolgersi ad un esperto del settore che ha maturato una professionalità certificata da anni di servizio significa inoltre avere dalla propria parte un alleato prezioso, in grado di identificare pro e contro di ogni proposta di finanziamento. Ma anche di valutare con precisione quali prestiti ristrutturazione casa rispondono meglio alle esigenze del richiedente. 

Vuoi chiedere un Prestito Personale?

Trova un Consulente

Chi può ottenere i prestiti per ristrutturazione casa: requisiti e garanzie

Essendo una forma di prestito personale, il finanziamento per ristrutturazione non prevede garanzie reali come diritti di ipoteca o di pegno. Ai fini dell’accesso al credito il richiedente è tenuto a dimostrare solo la presenza di un reddito costante e sufficiente a tutelare la banca dal rischio di insolvenza. E, nel caso di cittadini stranieri, la documentazione attestante la residenza in Italia.

Tuttavia quando un richiedente dimostra di avere adeguate credenziali ma non ha nessuno storico finanziario / creditizio, l’istituto di credito ha la facoltà di richiedere maggiori garanzie. Ad esempio, la firma di un garante o l’attivazione di una polizza assicurativa finalizzata a garantire alla banca un’ulteriore tutela. Lo stesso vale per lavoratori con una ridotta anzianità di servizio e per gli autonomi che hanno aperto Partita Iva da poco tempo.

Per avere maggiori probabilità di vedersi accettata la richiesta di prestiti ristrutturazione casa va inoltre valutata l’incidenza della rata sul reddito mensile. Sebbene non esista una regola fissa, in linea di massima è preferibile che la rata non superi un terzo delle entrate mensili del soggetto che presenta l’istanza di finanziamento.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.