mutuo tassi
Pubblicato il: 17 marzo, 2023
Tempo di lettura: 2 minuti
222 visualizzazioni
Condividi l'articolo

Erogazione mutuo tassi medi al 3,53% a gennaio 2023

Con l’inizio del nuovo anno l’andamento mutuo tassi porta interessanti novità per operatori del credito e consumatori. Progressivamente tasso fisso e variabile si stanno allineando ad un livello che va dal 3% al 4%. I dati ABI lo confermano.

Secondo il rapporto mensile relativo a gennaio 2023 recentemente pubblicato dall’ABI, infatti, i tassi mutui si attestano mediamente al 3,53%. Naturalmente il dato è lo specchio delle concessioni di finanziamenti che hanno avuto luogo il mese passato, ed è quindi influenzato dalle scelte dei consumatori.

In questo senso ha particolare rilevanza il fatto che a gennaio tasso fisso e variabile hanno avuto circa lo stesso peso. Secondo i dati delle segnalazioni Si-Abi, il 47,4% delle nuove erogazioni di gennaio 2023 ha interessato mutui a tasso fisso. Una quota in netto aumento rispetto al mese precedente, quando rappresentavano solo il 34,3% del totale.

Dal canto suo, il tasso variabile sta progressivamente tornando ai livelli consueti. Se a dicembre 2022 è stato la scelta di oltre il 65% dei consumatori che hanno attivato un nuovo mutuo, a gennaio 2023 supera di poco il 50% delle erogazioni. E sembra destinato a ridurre ulteriormente la sua quota di incidenza sul totale.

Sommario

Vuoi chiedere un Mutuo?

Trova un Consulente

Tasso interesse mutuo medio: i dati ABI

Il valore medio mutuo tassi rilevato a gennaio 2023 risulta ancora più che sostenibile. Soprattutto se si mette in relazione ai livelli toccati nel corso degli ultimi decenni dai tassi mutuo. Come ricorda l’ABI nel suddetto rapporto mensile, alla fine del 2007 il tasso medio era del 5,72% e la crisi economica era ancora dietro la porta.

Ciononostante, osservando lo storico dei mesi passati, appare chiaro che il tasso mutuo medio è in crescita. A gennaio 2022 il tasso medio applicato sulle nuove operazioni di mutuo era dell’1,45%, mentre a febbraio e marzo ha registrato leggeri ma costanti rialzi. Ad aprile si attesta all’1,81%, ma solo a giugno dello scorso anno ha raggiunto quota 2%. Un aumento a luglio, seguito da una lieve discesa ad agosto, fa arrivare il tasso medio al 2,26% a settembre. Gli ultimi mesi dell’anno sono stati però segnati da netti balzi in avanti: 2,75% a ottobre e 3,06% a novembre.

Le prospettive per i prossimi mesi sono ancora relativamente incerte, anche se per il 2023 sembra probabile attendersi una media mutuo tassi in leggero rialzo rispetto a gennaio, ma con un minore incremento percentuale. I tassi dovrebbero quindi stabilizzarsi su livelli leggermente più alti di quelli attuali.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Operatori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.