Anticipo del TFS
Pubblicato il: 25 aprile, 2023
Tempo di lettura: 3 minuti
258 visualizzazioni
Condividi l'articolo

Perché nel 2023 l’anticipo del TFS a tasso agevolato è meno conveniente

È ufficiale: l’anticipo del TFS a tasso di interesse agevolato non è più tanto conveniente. Lo sanno bene i molti dipendenti del settore pubblico che hanno presentato richiesta di anticipo TFS nelle ultime settimane e si sono trovati di fronte a preventivi con condizioni al di sopra dei prezzi di mercato per un prestito personale.

Come è possibile tutto questo? Il tasso agevolato applicato all’anticipo TFS dalle banche e finanziarie che hanno sottoscritto la convenzione statale si basa sul valore del Rendistato. Ovvero sul rendimento ponderato dei Titoli di Stato italiani, che a dicembre 2022 ha visto un rialzo incredibile. Dopo anni in cui il valore del Rendistato era vicino allo zero, alla fine dello scorso anno è arrivato a 3,804. E di conseguenza, i tassi di interesse proposti da banche e finanziarie che erogano l’anticipo TFR dipendenti pubblici in convenzione sono arrivati intorno al 5%.

Colpa del valore dei rendimenti dei BTP statali (il Rendistato per fasce di vita residua superava il 4,3% a febbraio per la fascia 20 anni e 7 mesi) ma anche dello spread applicato per legge al suddetto valore. Spread che è pari allo 0,40% e, seppur in minima parte, contribuisce ad aggravare il carico di spesa sulle spalle del pensionato. Portando ad una spesa complessiva decisamente onerosa, anche in relazione alla somma erogabile e alle alternative per lavoratori pubblici in pensione o prossimi al pensionamento.

Sommario

Vuoi chiedere l'Anticipo del TFS?

Trova un Consulente

Le alternative agli anticipi TFR dipendenti pubblici a tasso agevolato

Come è facile intuire alla luce di quanto detto nelle righe precedenti, il meccanismo dell’anticipo del TFS a tasso agevolato è stato conveniente per anni per via del Rendistato pari (o prossimo) allo 0. A fronte di questa condizione il pensionato si trovava a dover sostenere di fatto solo le spese legate allo spread dello 0,40%. Ma allo stato attuale, l’anticipo TFS dipendenti pubblici è diventato più costoso di un prestito personale o di una cessione del quinto.

E certamente non vale la pena accorciare i tempi di erogazione della liquidazione pagando un prezzo tanto alto, soprattutto se si considera che la somma massima erogabile con questa misura è di 45.000 euro. Per la restante quota di liquidazione è comunque necessario attendere i tempi burocratici tradizionali.

Il prestito a tasso di interesse agevolato non è però l’unica soluzione per ottenere il TFS dipendenti pubblici prima della data prevista per la naturale liquidazione. In alternativa è possibile ricorrere all’anticipo del TFS a tasso di mercato. Si tratta di una forma di finanziamento che non prevede convenzioni statali, ma segue logiche analoghe a quelle dei prestiti personali.

Scegliendo l’anticipo liquidazione statali a tasso di mercato non ci sono limitazioni in fatto di importo finanziabile né regole particolari per la definizione del tasso di interesse. Attualmente quindi è molto probabile trovare in questa opzione la soluzione più conveniente.

Quanto ai nuovi prestiti Inps, recentemente introdotti dall’ente previdenziale come ulteriore alternativa all’anticipo TFS agevolato, il tasso di interesse è fisso all’1%. Ma si aggiungono le spese per la gestione della pratica e i prelievi in favore del Fondo Credito Inps. Il costo quindi dovrebbe essere inferiore a quello previsto dall’anticipo a tasso agevolato. Tuttavia non c’è certezza di rientrare tra i beneficiari della procedura, perché attualmente sono stanziati fondi limitati.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Operatori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.