previsioni tassi mutui
Pubblicato il: 06 giugno, 2023
Tempo di lettura: 2 minuti
2996 visualizzazioni
Condividi l'articolo

Previsioni tassi mutui, cosa aspettarsi nel medio termine

Dopo anni di tassi di interesse bassissimi, la corsa al rialzo è iniziata da 12 mesi e non sembra volersi arrestare. Complici anche le dichiarazioni della BCE, che si dice convinta a contrastare l’inflazione con il solo mezzo a sua disposizione, ovvero i tassi BCE. Ragione per cui in teoria i rialzi dovrebbero continuare per diversi mesi ancora, anche se con il rischio di mettere in grande difficoltà chi ha in corso un mutuo a tasso variabile. Ma anche di precludere l’accesso a nuovo credito a molti consumatori che non saranno in grado di sostenere costi tanto alti. Cosa aspettarsi allora per i prossimi mesi? Quali sono le previsioni tassi mutui?

Sommario

Vuoi surrogare un Mutuo?

Trova un Consulente

Previsione tassi mutui: l’andamento dell’inflazione e le dichiarazioni di Christine Lagarde

Se per il momento attendersi una discesa dei tassi di interesse è una prospettiva a dir poco ottimistica, è importante ricordare che la Presidente della BCE Christine Lagarde ha recentemente dato segni di apertura rispetto ad un ipotetico cambio di rotta.

In particolare, Lagarde ha chiarito che sebbene non sia intenzione della BCE cedere sulla questione dell’inflazione, che deve essere riportata al 2% nel medio termine, nelle stanze della Eurotower non c’è la certezza di aumentare ancora i tassi nei prossimi mesi. Anche se il periodo di rialzi non è certamente finito. La ragione? Semplice, a febbraio l’inflazione segnava ancora +9,9%.

Sembra però possibile che i tassi di interesse dei mutui si stabilizzeranno momentaneamente, con un possibile aumento verso la fine dell’anno di entità contenuta. È probabile infatti che nei prossimi mesi non vi siano rialzi, ma si assista ad un incremento dei tassi BCE nel quarto trimestre del 2023. La misura di questo rialzo non è ancora nota e, probabilmente, anche alla Banca Centrale ci sono ancora aspetti da definire in proposito.

Considerando che la politica di rialzo dei tassi di interesse portata avanti dalla BCE ha effettivamente sortito degli effetti sull’inflazione in Europa (che sta lentamente scendendo) è ragionevole pensare che il ritmo dei rialzi subirà un forte rallentamento. Con una stabilizzazione nel 2024.

Molti analisti infatti sono convinti che dal prossimo anno l’andamento tassi mutuo sarà più lineare. E le previsioni tassi mutui rappresentano, nella maggior parte dei casi, uno stop programmato da parte della BCE. È verosimile quindi che nella riunione di maggio 2023 la Banca Centrale decida di non rialzare i tassi fino alla fine dell’anno, quando interverrà con un incremento molto basso. Probabilmente dello 0,25%. È questa una delle tesi più gettonate attualmente dagli analisti di settore.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Operatori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.