acquisto casa
Pubblicato il: 17 marzo, 2023
Tempo di lettura: 3 minuti
172 visualizzazioni
Condividi l'articolo

Normativa acquisto casa, maggiori garanzie se si acquista su carta

Il recente aggiornamento della normativa italiana ha introdotto nuove garanzie per chi ricorre all’acquisto casa su carta. Dal 23 settembre quanti comprano casa con questa modalità godono di una maggiore tutela. Merito delle nuove regole che impongono a banche e compagnie assicurative di attivarsi tempestivamente in caso di fallimento dell’azienda costruttrice. Ma perché questa novità è tanto importante? Cosa cambia per l’acquirente? Vediamolo insieme.

Sommario

Vuoi chiedere un Mutuo?

Trova un Consulente

Cosa significa comprare casa su carta: rischi e vantaggi con la nuova normativa

In caso di fallimento dell’azienda costruttrice, gli enti bancari e assicurativi coinvolti nell’operazione devono rimborsare al cliente il capitale, nel rispetto di un termine massimo di 30 giorni. La ragione di questa tutela? Semplice, il fallimento del costruttore è un rischio importante dal punto di vista del consumatore. Perché in quel caso non solo vede sfumare il progetto della propria casa dei sogni, ma perde anche il capitale già versato.

Sono queste del resto le principali preoccupazioni di chi acquista su carta. Sì, perché è vero che questo genere di operazioni prevede dei vantaggi, come una riduzione del prezzo finale di acquisto (generalmente ridotto di almeno il 10% rispetto al valore reale) e la possibilità di personalizzare l’immobile secondo i propri gusti, ma ci sono anche dei lati negativi. E il rischio di fallimento del costruttore è senza dubbio uno dei maggiori.

Quando si parla di acquisto su carta, infatti, si fa riferimento alle operazioni che portano l’attivazione di mutui costruzione. Ossia quelle in cui l’acquirente dell’immobile paga l’azienda costruttrice in vari step, con l’erogazione del capitale da parte della banca in base allo stato di avanzamento dei lavori. È chiaro quindi che un finanziamento di questo genere viene attivato solo a condizione che il beneficiario abbia dei vantaggi pratici.

E oggi, grazie alle nuove tutele per acquisto casa su carta, si aggiungono nuove garanzie per il consumatore, che sono già operative. La data di entrata in vigore della nuova normativa è infatti il 23 settembre 2022.

Vuoi chiedere un Mutuo?

Trova un Consulente

Tempi e importo del rimborso per acquistare casa

La nuova norma stabilisce che se il costruttore fallisce prima di aver completato i lavori, la banca e la compagnia assicurativa coinvolte sono tenute a indennizzare il beneficiario del mutuo.

In particolare, il cliente deve ricevere indietro per intero sia le somme che sono state pagate a titolo di acconto che i relativi interessi. Il termine ultimo per l’erogazione del rimborso è di 30 giorni dalla presentazione della richiesta.

Ma c’è di più: con la nuova normativa acquisto casa su carta dopo la presentazione della domanda di rimborso non sarà possibile per banca e compagnia assicurativa prevedere clausole peggiorative per il cliente. Allo stesso tempo non si potranno introdurre regole diverse nei contratti.

Queste nuove disposizioni introdotte dalla normativa saranno applicate in maniera automatica alle procedure di acquisto appartamento e casa e ai relativi finanziamenti. Inclusa l’impossibilità di introdurre scappatoie nei contratti di compravendita. Le nuove tutele introdotte dalla normativa si inquadrano da un punto di vista legislativo nel filone normativo che è stato inaugurato con il Decreto legislativo n. 215/2005.

Ma cosa deve fare il consumatore per tutelarsi in prima persona? È essenziale un monitoraggio attivo dei lavori, così che eventuali ritardi e difficoltà da parte del costruttore siano immediatamente recepibili dal cliente. La richiesta di rimborso comunque può essere presentata solo a condizione che lo stato di crisi dell’imprenditore sia dichiarato e dimostrabile.

A tal proposito, sono indicatori oggettivi secondo la legge:

  • il pignoramento dell’immobile oggetto del rapporto tra cliente e costruttore;
  • la pubblicazione della sentenza di fallimento;
  • la pubblicazione del provvedimento di liquidazione coatta amministrativa;
  • la presentazione da parte dell’interessato di richiesta per l’ammissione alla procedura di concordato preventivo.

Solo dopo un evento del genere il cliente può comunicare alla banca la propria volontà di rinunciare all’acquisto casa per ottenere il rimborso in 30 giorni.

 

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Operatori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.