risparmiare sul mutuo
Pubblicato il: 17 marzo, 2023
Tempo di lettura: 3 minuti
374 visualizzazioni
Condividi l'articolo

Risparmiare sul mutuo: ecco come trovare quello più conveniente

La ricerca del mutuo è una delle fasi più delicate dell’acquisto casa. Non solo perché ha un impatto diretto sui costi, ma anche perché significa confrontarsi con concetti che non sono di immediata comprensione per chi ha scarsa conoscenza del settore del credito. Ecco quindi che per non commettere errori che rischiano di costare cari, la regola d’oro è risparmiare sul mutuo.

Ma come farlo? A dispetto di quanto si potrebbe immaginare, non è sufficiente prendere in considerazione il tasso di interesse (TAN) applicato dalla banca. Sono molti i fattori che decidono la convenienza del finanziamento. Il primo da tenere in considerazione è certamente il TAEG, ossia il valore che esprime in percentuale il costo del mutuo su base annua.

Il TAEG è perciò il parametro di riferimento per conoscere e confrontare il costo complessivo del mutuo. Più che la rata e il TAN quindi andrebbe considerato questo valore, che viene calcolato considerando anche le spese accessorie, di istruttoria e di perizia.

La seconda good practice per risparmiare sul mutuo è l’analisi del tasso di interesse. Sì, perché il TAN è composto da due elementi: il parametro di indicizzazione del tasso e lo spread. Il primo è il valore a cui la banca si rifà per il calcolo del tasso. Per i mutui a tasso fisso corrisponde generalmente al tasso Eurirs, mentre per quelli a tasso variabile può essere il tasso BCE oppure il tasso Euribor. Il valore di questi parametri non dipende dalla banca, diversamente da quanto accade per lo spread.

Quest’ultimo valore infatti è deciso direttamente dalla banca, rappresentando di fatto il guadagno dell’ente di credito. Ecco perché, quando si parla di come risparmiare sul mutuo a tasso variabile, è consigliabile scegliere il finanziamento con lo spread più basso per aumentare il risparmio nell’ipotesi di ribassi di mercato.

Sommario

Vuoi chiedere un Mutuo?

Trova un Consulente

Come risparmiare sul mutuo casa: cosa sapere su tasso misto e storico finanziario

Sempre restando in tema di tasso, prima di sottoscrivere un mutuo è importante accertarsi che il TAN presentato dalla banca sia quello a regime, ossia quello effettivamente pagato nel corso del piano di ammortamento.

Il rischio è di confondere questo tasso con il TAN di ingresso: un interesse promozionale presentato dall’ente di credito, che applica un tasso ridotto per il periodo iniziale del finanziamento. Prestare poca attenzione a questa fondamentale differenza rischia di inficiare la convenienza della scelta, portando al pagamento di interessi maggiori nel medio e lungo periodo.

Anche la tipologia del tasso fa la differenza. Oltre a quello fisso e a quello variabile, esistono i mutui a tasso misto e a tasso variabile con Cap. Due alternative da valutare per risparmiare sul mutuo, perché a seconda delle fasi di mercato possono essere una scelta vantaggiosa.

Attenzione però a non farsi prendere dall’entusiasmo: pro e contro del tipo di tasso andrebbero discussi con un consulente del credito specializzato nel settore mutui. Pena la sottoscrizione di un prodotto potenzialmente non in linea con le proprie esigenze e aspettative. Un esempio? I mutui variabili con Cap prevedono solitamente spread più alti dei normali variabili, quindi in caso di ribasso ridurrebbero la capacità di risparmio del mutuatario.

Ad incidere sul tasso del mutuo non sono solo i mercati e la necessità della banca di ottenere un guadagno, ma anche il profilo del richiedente. Se il soggetto che presenta domanda ha un buono storico creditizio potrà ottenere condizioni migliori, ma se non ha pagato regolarmente i passati prestiti si vedrà applicare un tasso più alto. Meglio verificare il proprio profilo prima di presentare domanda.

Ultimo, ma non meno importante, il punto delle agevolazioni. Per risparmiare sul mutuo prima casa esistono delle agevolazioni fiscali con detrazione Irpef per il 19% degli interessi passivi.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Operatori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.