tasso interesse mutuo
Pubblicato il: 17 maggio, 2023
Tempo di lettura: 3 minuti
322 visualizzazioni
Condividi l'articolo

Tasso interesse mutuo, tra variabile e fisso crescita costi del 30-40%

La convergenza tra incremento dei tassi di interesse e picco di inflazione sta riscrivendo le regole del mercato dei finanziamenti. Se fino a un anno fa le condizioni dei finanziamenti erano le più convenienti che si vedessero da anni, con il repentino rialzo dei tassi BCE e gli effetti a catena che questo ha avuto, il tasso interesse mutuo applicato mediamente ai finanziamenti rischia di toccare i massimi del 2007.

In meno di 12 mesi il quadro dei tassi mutui è cambiato in maniera radicale e le condizioni a cui si trovano sottoposti i consumatori alla ricerca di credito sono molto più onerose. La causa è anzitutto la politica adottata dalla BCE, che ha deciso di rialzare i tassi di interesse per contrastare l’inflazione nella zona euro. Inflazione che la Banca Centrale intende portare a quota 2% nel medio termine. Un obiettivo ambizioso che impone politiche rigide, con tassi in aumento fino a quando non ci saranno risultati accettabili.

E se questa è la linea adottata dalla BCE, le banche non possono che adeguarsi, aumentando i tassi in base all’incremento dei parametri di indicizzazione. Chiaramente, ad aumentare non sono solo i parametri BCE, ma anche i valori dell’Euribor e dell’Eurirs. Sebbene questi due parametri non siano direttamente dipendenti dalla BCE, infatti, risentono delle sue politiche, come del resto l’intero mondo del credito.

È importante ricordare a tal proposito che le decisioni della Banca Centrale incidono sul costo del denaro sull’intera zona euro. Di conseguenza hanno un impatto su tutti i parametri di riferimento per l’indicizzazione dei finanziamenti. Inclusi quelli relativi ai mutui a tasso fisso.

Sommario

Vuoi rinegoziare il tuo Mutuo?

Trova un Consulente

Con il rialzo di tassi mutui fissi e variabili la rata sale dal 30% al 40%

Da luglio 2022 la BCE ha messo in atto ben sei aumenti sul tasso interesse mutuo, per portare il tasso di rifinanziamento all’attuale livello del 3,50%. Ciò ha avuto effetti di rialzo anche sui parametri Euribor ed Eurirs e oggi i mutui costano mediamente il 30-40% in più rispetto allo scorso anno.

Numeri alla mano, il parametro Euribor a 3 mesi è passato da -0,534% a 2,783% con un aumento delle rate mensili di oltre il 30%. Secondo le stime di MutuiOnline, il carico della stessa rata sul reddito familiare rischia di aumentare di diversi punti percentuali, arrivando alla soglia limite del 30%. Soglia oltre la quale una rata periodica non è ritenuta sostenibile da banche e società finanziarie.

Sempre secondo le stime di MutuiOnline, l’incremento della rata arriva ad un +40% quando il finanziamento a tasso variabile indicizzato all’Euribor 3 mesi ha una durata trentennale e coinvolge somme oltre i 200.000 euro. Naturalmente in questi casi può essere interessante valutare una surrogazione per ottenere un tasso interesse mutuo migliore. Tuttavia la convenienza dell’operazione non è certa, perché anche i tassi mutuo a interesse fisso hanno subito notevoli rialzi e le condizioni applicate sono molto vicine a quelle dei mutui a tasso variabile.

In particolare, il tasso interesse mutuo Eurirs a 30 anni (riferimento per i mutui a tasso fisso di durata trentennale) è passato dal minimo storico toccato a marzo 2020, quando valeva -0,23%, al 2,78% di marzo 2023. Chiaramente in questo caso i costi aumentano solo per chi sottoscrive un nuovo mutuo, perché i finanziamenti già in corso mantengono la rata costante.

Tuttavia, è chiaro che il costo dei mutui a tasso fisso è letteralmente lievitato nel giro di soli 3 anni. A parità di importo e durata si stima una maggiorazione della rata mensile del 40%.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Operatori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.