barometro Crif
Pubblicato il: 17 marzo, 2023
Tempo di lettura: 4 minuti
340 visualizzazioni
Condividi l'articolo

Barometro Crif: crescono le richieste prestiti e sale l'ottimismo delle famiglie

Nel 2022, fino a settembre, le richieste di prestiti personali e finalizzati hanno visto una crescita di oltre il 20% rispetto allo stesso periodo del 2021. Restano bassi però gli importi finanziati, a confermare la prudenza dei consumatori, che tendono a richiedere solo somme che sembra certo riescano a rimborsare. Del resto in un momento di incertezza economica come quello che stiamo vivendo, la cautela domina pressoché ogni aspetto di una gestione oculata delle finanze familiari. È questo il quadro tracciato dall’ultimo Barometro Crif. Ma vediamo nel dettaglio quali sono i dati forniti dall’ente.

Sommario

Vuoi chiedere un Prestito Personale?

Trova un Consulente

Dati Crif consumatori: come cambia la domanda di prestiti e l’importo medio

Il recente Barometro Crif evidenzia una risalita della fiducia delle famiglie nel credito al consumo. Il livello delle richieste di prestiti rappresenta infatti un indicatore fondamentale in questo senso e se risulta abbastanza alto, è logico pensare che ci sia una diffusa condizione tra i consumatori di riuscire ad onorare i debiti contratti. Ecco perché la risalita delle domande di prestito è tanto rilevante, non solo in termini economici ma anche sociali.

I dati parlano chiaro: rispetto allo stesso periodo del 2021, le richieste di prestiti presentate da gennaio a settembre 2022 sono il 21,7% in più. Con un incremento del 12,2% se si considera il solo mese di settembre.

Lo scenario finanziario resta però delicato. Tra le cause principali ci sono l’inflazione, ancora a livelli allarmanti, e il rallentamento del tasso della crescita economica. In questo senso, un’ulteriore conferma arriva dal ridotto importo medio richiesto. Considerando i primi nove mesi del 2022, questo si attesta a 8.313 euro: il 6,1% in meno rispetto allo stesso periodo del 2021.

Cosa ci dice questo dato? Anzitutto che i consumatori italiani sono meno propensi ad indebitarsi per cifre importanti. Concetto che fa il paio con l’approccio cauto tipicamente adottato dai nostri connazionali in situazioni di difficoltà economica.

Ma quando si parla dell’importo medio richiesto è necessario considerare anche la finalità dei finanziamenti richiesti. Sempre più persone infatti ricorrono a prestiti finalizzati per telefonia, elettrodomestici e altri dispositivi elettronici. Si tratta quindi di linee di credito con importi relativamente ridotti, il cui effetto è ridurre sempre di più la somma media richiesta dal consumatore italiano che si rivolge a banche e finanziarie per l’accesso al credito.

Complessivamente comunque, stando al Barometro Crif, la domanda di prestiti da parte delle famiglie italiane non sembra risentire molto dell’incertezza che è invece palpabile nello scenario economico.

Vuoi chiedere un Prestito Personale?

Trova un Consulente

Gli ultimi report di Crif sulle richieste di mutui

Il Barometro Crif prende in esame anche l’andamento dei mutui immobiliari, per cui la situazione è ben diversa da quella dei prestiti. Nei primi nove mesi del 2022 infatti c’è stato un calo sensibile delle domande. Il picco in negativo è notevole: -22,6% se si considera il confronto annuo e -25,6% se si mettono in relazione i dati di settembre 2022 con quelli dello stesso mese nel 2021.

La ragione di questa discesa? Mettendo in relazione i dati riportati dal report Crif con gli avvenimenti che hanno segnato le sorti del mercato, è impossibile non attribuire almeno una parte del calo ai tassi di interesse. Dopo l’attuazione delle nuove politiche monetarie della BCE infatti i finanziamenti immobiliari sono diventati molto meno convenienti. E questo trend non sembra destinato a fermarsi, dato che la Banca Centrale ha già annunciato un probabile rialzo per la fine del 2022.

Ma a fare la differenza è anche il minore interesse del pubblico nei confronti delle surroghe, che nel corso del tempo hanno subito una discesa verticale. Le operazioni di surrogazione del mutuo sono infatti diminuite del 61,9% e oggi rappresentano solo l’8,5% dei mutui totali richiesti.

Restano stabili le richieste di nuovi mutui con una leggera flessione, al di sotto del 2%. Mentre sale l’importo medio richiesto, che arriva a 144.658 euro con un incremento del 4,7% rispetto al periodo gennaio-settembre 2021. Una tendenza a rialzo che si deve anche all’aumento dei prezzi delle case, a causa dell’impennata dell’inflazione.

L’ultimo dato dell’analisi Crif da considerare per valutare l’andamento dei mutui, e la riduzione delle richieste, riguarda le domande presentate dagli under 35, che da gennaio a settembre hanno contribuito per il 35,6%. Tuttavia queste richieste si sono momentaneamente attenuate per via di una battuta d’arresto delle coperture statali Consap.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Operatori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.