liquidazione TFR
Pubblicato il: 17 marzo, 2023
Tempo di lettura: 2 minuti
866 visualizzazioni
Condividi l'articolo

Liquidazione TFR TFS dipendenti pubblici: dal 2023 solo comunicazioni in via telematica

La modalità telematica sarà, tra poche settimane, l’unica ammessa per la comunicazione di informazioni relative alla liquidazione TFR TFS. È quanto annuncia la circolare Inps numero 125 del 4 novembre 2022.

Una novità che rientra, come anche confermato dall’ente previdenziale, nel processo di trasformazione digitale del comparto della Pubblica Amministrazione, di cui l’Inps fa parte. L’introduzione di queste e altre innovazioni, volte a semplificare e velocizzare il rapporto tra cittadino ed ente, è possibile grazie anche ai fondi messi a disposizione con il PNRR.

Come inciderà questa novità nella vita dei pensionati pubblici? Quali saranno le differenze per chi desidera ottenere in anticipo il TFR maturato e non attendere i tempi tecnici della liquidazione in oltre 24 mesi dal pensionamento?

Sommario

Vuoi chiedere l'Anticipo del TFS?

Trova un Consulente

Comunicazioni telematiche per il trattamento di fine rapporto: cosa cambierà dal 2023

La circolare Inps illustra come effettuare le comunicazioni in modalità telematica, esplicitando che dal 2023 questa sarà l’unica modalità ammessa per la gestione dei TFR e TFS per i dipendenti del settore pubblico.

Indennità che vengono maturate nel corso del rapporto di lavoro, ma diventano esigibili solo nel momento in cui il dipendente raggiunge la pensione. A dispetto di quanto accade con i lavoratori del settore privato, che hanno comunque la possibilità di richiedere un anticipo anche mentre il rapporto di lavoro è in corso.

È chiaro che la presenza di informazioni corrette nei database Inps (ente chiamato alla liquidazione TFR TFS) è di massima importanza per il lavoratore, che altrimenti non potrà accedere alle somme spettanti né con i tempi di rito né ricorrendo al prestito di anticipo TFS. Sì, perché questa seconda opzione richiede la produzione del Certificato di Quantificazione da parte dell’Inps.

E qualora i dati a disposizione dell’ente siano errati o incompleti, le conseguenze vanno a danno del soggetto che ha intenzione di ottenere in anticipo il denaro a lui spettante. Nella migliore delle ipotesi, si allungano notevolmente i tempi per il rilascio della certificazione, portando ad un’attesa che può far slittare di mesi l’erogazione del capitale da parte della banca selezionata.

Poiché l’obbligo di utilizzare il solo canale telematico per la trasmissione delle informazioni Inps è esteso anche ai datori di lavoro, il rischio di qualche ritardo sussiste sempre. Tuttavia, resta essenziale per il lavoratore pubblico che accede alla pensione procedere con tutti gli step nel modo giusto.

In questo senso la figura del consulente del credito diventa ancor più rilevante per chi sceglie di ricorrere all’anticipo TFS, perché è capace di analizzare e gestire la situazione con il cliente, indicandogli anche le varie opzioni di finanziamento per trovare quella più adatta alle sue esigenze.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Operatori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.