TFS statali
Pubblicato il: 17 marzo, 2023
Tempo di lettura: 2 minuti
600 visualizzazioni
Condividi l'articolo

Novità anticipo TFS statali: il nuovo decreto in Gazzetta Ufficiale

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo decreto sull’anticipo del TFS statali, l’indennità di fine servizio che i dipendenti assunti dallo Stato e dalle Amministrazioni ricevono al termine del rapporto. La modalità di anticipo dell’indennità diviene necessaria poiché i tempi tecnici sono generalmente lunghi, superando anche i 24 mesi per il versamento dell’indennità. Il decreto sancisce il nuovo accordo quadro di convenzione con gli enti bancari. Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e come incide nella vita dei dipendenti pubblici che accedono alla pensione.

Sommario

Vuoi chiedere l'Anticipo del TFS?

Trova un Consulente

TFS statali news: prorogato l’accordo ABI per l’anticipo agevolato

È confermata la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto che proroga la convenzione tra ABI e Stato per la liquidazione anticipata del TFS dipendenti pubblici. Il documento tratta in particolare il TFS anticipo statali a condizioni agevolate, ossia alle condizioni imposte dallo Stato per tutelare i cittadini.

Queste particolari condizioni sono stabilite da norme e regolamenti appositi e si applicano ad una somma massima di 45.000 euro. Ovvero consentono al dipendente pubblico o statale che accede alla pensione di ottenere velocemente fino a 45.000 euro del proprio Trattamento di Fine Servizio, ed attendere i tempi tecnici tradizionali solo per la restante quota di indennità spettante. A condizione chiaramente che l’indennità superi tale soglia.

Il tasso agevolato in questione è dello 0,4% e viene applicato, nel rispetto della somma massima già citata, dalle banche convenzionate. Vale a dire da quelle che hanno aderito all’accordo ABI. Altrimenti i pensionati del settore pubblico e statale possono ricorrere all’anticipo TFS statali rivolgendosi a banche non convenzionate. In questo secondo caso, il tasso di interesse applicato al finanziamento è di mercato, e di conseguenza più alto. Ma per contro, è possibile ottenere subito anche il 100% dell’indennità spettante.

Tornando al contenuto del nuovo decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale, l’accordo tra ABI e Stato viene rinnovato per due anni. Gli effetti principali sono due:

  • chi accede alla pensione può attivarsi immediatamente per richiedere l’anticipo liquidazione TFS a tasso agevolato.
  • Ripartono le pratiche di liquidazione TFS statali anticipata che erano state temporaneamente congelate in attesa del rinnovo.

A questo punto si attende solo l’esito della questione Corte Costituzionale TFS statali. Mesi fa infatti il TAR del Lazio ha portato all’attenzione della Corte Costituzionale le problematiche sui tempi liquidazione TFS. Il punto da chiarire è la legittimità della dilazione del pagamento.

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Operatori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.