Cos’è il Rendistato e come influenza il tasso dell’anticipo TFS
Articolo a cura di
Foto profilo di Redazione Tipresto
Redazione Tipresto
Pubblicato il: 06/04/2022
Tempo di lettura: 4 minuti
Condividi l'articolo

Cos’è il Rendistato e come influenza il tasso dell’anticipo TFS

L’erogazione dell’anticipo TFS a tasso di interesse agevolato è sottoposta a specifici limiti e condizioni imposte dalla normativa. In particolare, per il tasso di interesse gioca un ruolo fondamentale il Rendistato, ossia il rendimento annuo lordo di un paniere di Titoli di Stato italiani.

In base alla normativa, infatti, sui prestiti per anticipo TFS a tasso agevolato è prevista l’applicazione di un tasso corrispondente al rendimento medio dei titoli pubblici con durata corrispondente al periodo dell’anticipo, maggiorato dello 0,40%. 

Il riferimento normativo è l’articolo 4 dell’Accordo Quadro sull’anticipo del TFS, redatto secondo quanto stabilito dall’articolo 23 del Decreto Legge n. 4 del 28 gennaio 2019 (successivamente convertito con modificazioni dalla Legge n. 26 del 28 marzo 2019).

Ma che cos’è esattamente il Rendistato? È il rendimento di un insieme di titoli pubblici a tasso fisso presi come campione per la definizione di un valore medio e rappresentativo di quanto fruttano i Titoli di Stato. È aggiornato con cadenza mensile dalla Banca d’Italia, in modo da fornire ad enti di credito e consumatori un valore sempre coerente con il panorama finanziario attuale.

Questo valore rappresenta un parametro cruciale per banche e società finanziarie ai fini del calcolo dei tassi di interesse finali per diverse tipologie di prestiti. L’anticipo del TFS è quindi solo uno dei contesti in cui trova applicazione.

Perché è tanto importante? Il Rendistato Banca d’Italia rappresenta il costo che la banca deve sostenere per questo genere di finanziamenti. Di conseguenza è fondamentale per l’istituto di credito avere a disposizione un dato aggiornato al momento della stipula del contratto con il cliente. E il guadagno per la banca resta sempre lo 0,4%, come stabilito per legge per l’anticipo TFS a tasso agevolato.

Sommario

Come il tasso medio di interesse dei Titoli di Stato incide sugli interessi dell’anticipo TFS

Nel calcolo del tasso finale del prestito per l’anticipo del TFS, il Rendistato è l’unico valore variabile. L’altro fattore è infatti rappresentato da uno spread fisso allo 0,40%. Come si calcola il tasso? Facendo riferimento al rendimento dei Titoli di Stato con durata corrispondente al periodo per cui si anticipa l’indennità. 

Vale a dire che se il pensionato pubblico riceve l’indennità di fine servizio 12 mesi prima del previsto, il tasso si calcola in base al rendimento dei Titoli di Stato a 12 mesi. Se il TFS è anticipato di 24 mesi si considera il rendimento dei Titoli a 2 anni, e così via.

Per la rilevazione del Rendistato si fa riferimento alla data in cui viene emesso il bonifico dalla banca, riferimento adottato anche per gli interessi. A tal proposito è importante specificare che gli interessi sono calcolati dalla data in cui avviene il versamento della somma in favore del pensionato fino alla data in cui la banca erogatrice riceve l’indennità dall’Inps. È questo infatti il meccanismo che garantisce l’operazione.

Nell’eventualità in cui il rendimento dei Titoli di Stato sia negativo, il tasso di interesse applicato al finanziamento per l’anticipo del TFS è dello 0,4%. La normativa vigente stabilisce infatti che il tasso non può scendere al di sotto di questa soglia.

Vuoi chiedere l'Anticipo del TFS?

Trova un Consulente

Quando il Rendistato non incide sui prestiti per anticipo TFS

Come già accennato, non sempre il Rendistato incide sul tasso di interesse dell’anticipo TFS. La normativa prevede infatti che se ne tenga conto solo per le operazioni che avvengono a tasso agevolato e secondo le regole stabilite dal relativo Accordo Quadro.

Sì, perché le banche e società finanziarie che erogano prestiti per l’anticipazione TFS statali con tasso ordinario non sono tenute al rispetto delle condizioni applicate per le operazioni di anticipo TFS banche convenzionate. Quindi oltre a poter concedere fino al 100% del capitale, senza fermarsi alla soglia dei 45.000 euro, questi istituti hanno la facoltà di definire arbitrariamente il tasso.

È evidente che scegliere questo genere di finanziamento presenta pro e contro. Da un lato infatti c’è la possibilità di accorciare sensibilmente i tempi per la concessione dell’indennità, con la possibilità di ottenere l’intero TFS in un’unica soluzione. Dall’altra ci sono costi maggiori, dovuti principalmente all’assenza del legame tra tasso e Rendistato. Prima di prendere una decisione definitiva andrebbero quindi valutati numerosi aspetti.

Ecco perché, prima di avanzare una richiesta di finanziamento per anticipo del TFS con tasso di interesse agevolato è consigliabile ricorrere all’assistenza di un consulente del credito per valutarne pro e contro. Meglio se confrontando la soluzione con l’anticipo del TFS a tasso di interesse ordinario, l’unica scelta che consente di ottenere in un’unica soluzione il 100% dell’indennità, evitando quindi il limite dei 45.000 euro previsto per il tasso agevolato.

Non attendere anni la tua liquidazione!

Chiedi ora l'anticipo del TFS!

Trova un Consulente

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.