Prestito ponte per l’anticipo del TFS: come funziona e quando richiederlo
Articolo a cura di
Foto profilo di Redazione Tipresto
Redazione Tipresto
Pubblicato il: 24/06/2022
Tempo di lettura: 3 minuti
Condividi l'articolo

Prestito ponte per l’anticipo del TFS: come funziona e quando richiederlo

L’anticipo del TFS è una scelta apprezzata dalla maggior parte dei pensionati pubblici, perché consente di accedere alla liquidazione accorciando sensibilmente i tempi. Altrimenti l’erogazione dell’indennità richiederebbe mesi o addirittura anni, a seconda dell’entità del Trattamento. Ci sono però dipendenti pubblici che hanno bisogno di liquidità già al momento del pensionamento e quindi non possono attendere i tempi tecnici dell’anticipo TFS. La soluzione in questo caso è rappresentata dal prestito ponte.

Il prestito ponte per anticipo del TFS evita la procedura burocratica altrimenti associata all’anticipo della liquidazione, che può diventare relativamente lunga. Basti pensare che l’Inps può impiegare fino a 90 giorni solo per l’emissione del certificato di quantificazione. E sebbene ci siano procedure che si risolvono in tempi brevi, complice il ricorso all’assistenza di un consulente del credito specializzato in TFS, può capitare che la richiesta di anticipo richieda dei mesi.

In questo senso, il prestito a ponte consente una velocizzazione dei tempi, per ottenere la liquidità in maniera pressoché immediata al momento della pensione. Sì, perché la domanda viene avanzata dal dipendente pubblico prossimo al pensionamento, ma ancora in attività.

Anticipare la richiesta di accesso al credito rispetto a quanto viene fatto con l’anticipo del TFS è senza dubbio un aspetto positivo. Soprattutto per chi ha urgenza di ricevere la liquidazione per affrontare spese che non possono essere rimandate.

In particolare, questo genere di finanziamento viene solitamente richiesto per:

  • acquisto auto;
  • ristrutturazione o acquisto di un’abitazione;
  • spese mediche o familiari.

In ogni caso, le banche che concedono il prestito a ponte non impongono solitamente la giustificazione della richiesta con la presentazione di documentazione specifica. Ciononostante ogni banca ha la possibilità di pretendere documenti di vario genere, da quelli anagrafici a quelli che attestano la necessità di liquidità per le spese programmate.

Sommario

Cerchi un Prestito ponte

per Anticipo del TFS?

Trova un Consulente

Importi del finanziamento ponte e presentazione della domanda: cosa sapere

Come funziona il prestito ponte? La domanda può essere avanzata in qualsiasi momento precedente l’anticipo del TFS. È pratica comune inoltrarla nel periodo compreso tra la richiesta della certificazione di quantificazione e il rilascio della presa d’atto da parte dell’Inps. Un intervallo che potrebbe durare 90 giorni come alcuni mesi, in base ai tempi di reattività della sede Inps di riferimento e non solo.

Diversa invece la questione dell’erogazione del prestito ponte, che può essere accordato anche nel giro di due-tre giorni. Ma analogamente a quanto accade con l’anticipo TFS/TFR, la tempistica è soggetta a variazioni notevoli a seconda del profilo del richiedente e della banca.

Passando al meccanismo di rimborso, esistono diverse soluzioni. Dalla detrazione diretta della rata dal cedolino pensione ad un piano d’ammortamento a scadenze mensili da rimborsare con il pagamento di bollettini. La durata del rimborso è variabile in funzione dell’importo della rata, e il beneficiario ha la possibilità di estinguere il debito al momento dell’erogazione del TFS.

In questo secondo caso vengono scalati gli interessi non ancora rimborsati. Seguendo le comuni procedure per l’estinzione anticipata del prestito, che resta possibile in qualsiasi momento dell’ammortamento.

Quanto si ottiene con il prestito a ponte? Non esiste una regola fissa, ma generalmente non sono accordati finanziamenti al di sotto dei 10.000 euro, mentre la somma massima non eccede di solito i 35.000 euro. Naturalmente ai fini della concessione del capitale la banca a cui ci si rivolge valuta sia l’entità del TFS maturato dal richiedente sia le capacità di rimborso dello stesso. 

Come per l’importo finanziabile, tasso e spese variano da caso a caso. Ad incidere sono numerosi fattori: profilo del richiedente, importo richiesto, eccetera. Ma un’attenta valutazione della convenienza è possibile solo con il supporto di un consulente.

Affidati solo ad Esperti

per l'Anticipo del TFS!

Trova un Consulente

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.