Guida al prestito Inpdap ristrutturazione casa: chi lo concede e a quali condizioni
Articolo a cura di
Foto profilo di Redazione Tipresto
Redazione Tipresto
Pubblicato il: 20/04/2022
Tempo di lettura: 3 minuti
Condividi l'articolo

Guida al prestito Inpdap ristrutturazione casa: chi lo concede e a quali condizioni

Rivolti a dipendenti e pensionati pubblici, i prestiti Inpdap su cessione del quinto si dividono in due macro categorie di prodotti: quelli concessi dall’Inps e quelli erogati da banche o società finanziarie convenzionate. In entrambi i casi è possibile ottenere un prestito Inpdap ristrutturazione casa, seppur a condizioni differenti.

Sommario

Prestito Inpdap per ristrutturazione prima casa con erogazione dal Fondo Credito Inps

Quando il prestito Inpdap ristrutturazione casa è erogato dall’Inps assume la forma del prestito pluriennale diretto. Si tratta quindi di un prodotto fornito attingendo dal Fondo Credito Gestione Dipendenti Pubblici (Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali).

Essendo una linea di credito agevolata concessa direttamente dall’Inps, la platea dei beneficiari è ristretta a dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione Unitaria. Il richiedente deve avere almeno quattro anni di anzianità di servizio e almeno quattro di contribuzione alla Gestione Dipendenti Pubblici. Se presentata da un lavoratore in attività di servizio, la domanda viene accolta solo a condizione che il soggetto sia titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Oppure di un contratto a tempo determinato con durata non inferiore a tre anni.

La somma massima finanziabile corrisponde, come stabilito dal Regolamento Inps, alle spese preventivate o alla somma dimostrabile con le fatture prodotte dal richiedente. Il finanziamento può essere richiesto sia per interventi di manutenzione ordinaria che straordinaria. 

Il piano di ammortamento avviene in 60 o 120 mesi e il tasso di interesse è pari al 3,50%. Al TAN si sommano le spese di amministrazione e il contributo per il Fondo Rischi Inps. Quest’ultima voce di spesa è prevista in misura diversa a seconda dell’età del richiedente e della durata del prestito.

Va comunque chiarito che l’erogazione dei prestiti Inpdap per ristrutturazione casa non avviene automaticamente, anche se il beneficiario dispone di tutti i requisiti fissati dall’Inps. La richiesta è sempre subordinata alla valutazione della commissione di competenza dell’ente previdenziale. Aspetto che porta a tempi di erogazione molto più lunghi di quelli previsti per un comune finanziamento bancario finalizzato alla ristrutturazione della casa.

Vuoi chiedere una Cessione del Quinto?

Trova un Consulente

Differenze tra cessione del quinto e prestito ristrutturazione prima casa Inpdap

Le cose cambiano quando il prestito Inpdap ristrutturazione casa è erogato da una banca o società finanziaria convenzionata con l’ente previdenziale in forma di comune cessione del quinto. In questo caso, i possibili beneficiari sono dipendenti e pensionati pubblici con un reddito dimostrabile e costante. La somma finanziabile è definita in funzione della capacità di rimborso del richiedente.

Il riferimento è quindi rappresentato dalla quota cedibile di stipendio o pensione, quota che non può comunque eccedere la quinta parte del reddito netto mensile. E per l’importo massimo erogabile possono essere applicate delle soglie limite dall’istituto di credito erogatore.

Solitamente, banche e finanziarie non concedono più di 30.000 euro senza ricorrere a garanzie ipotecarie. Scenario in cui ricadono i finanziamenti su cessione del quinto a prescindere dalla finalità, poiché rientrano nella categoria dei prestiti non finalizzati.

Come per ogni altra cessione del quinto, il prestito Inpdap ristrutturazione casa ha un tasso di interesse fisso. La rata è costante per l’intera durata del rimborso e viene decurtata alla fonte. Vale a dire che l’importo da rimborsare mensilmente è detratto dal datore di lavoro o dall’ente previdenziale dalla busta paga o pensione posta a garanzia del prestito. E lo stesso soggetto si occupa poi di versarlo alla banca che ha concesso il finanziamento.

Tassi di interesse e condizioni variano da caso a caso, in base alle politiche della banca e al profilo del richiedente. I tempi di erogazione sono piuttosto rapidi e la valutazione avviene anche nell’arco di pochi giorni. A condizione chiaramente che il richiedente presenti velocemente tutta la documentazione richiesta.

Trovare il prestito Inpdap ristrutturazione prima casa perfetto per le proprie esigenze non è però un’impresa banale. Ecco perché prima di inoltrare domanda è consigliabile rivolgersi ad un consulente del credito specializzato.

Ottieni un preventivo per

la Cessione del Quinto!

Trova un Consulente

Versione beta

© 2021 TiPresto.it | Tutti i diritti riservati | TiPresto.it è un servizio offerto da Conclara Srl Startup Innovativa • Via Bruno Buozzi, 9 - 15121 Alessandria • P.IVA 02655200067

Conclara Srl, in qualità di fornitore di servizi informatici, mediante il sito TiPresto.it, offre a consumatori o aziende in cerca di un prodotto di credito (cd Utenti), la possibilità di entrare in contatto con professionisti del credito abilitati ad operare ed iscritti alla piattaforma (cd Oeratori). Gli Utenti avranno accesso a diversi moduli per tipologia di servizio, attraverso i quali è possibile inviare (gratuitamente e senza impegno), i propri dati per ricevere informazioni sul prodotto di interesse agli Operatori selezionati. Gli Operatori, riceveranno le informazioni raccolte nei moduli e potranno gestirle per entrare in contatto con gli Utenti fornendo loro consulenze, informazioni relative ai prodotti trattati, ed eventualmente preventivi sotto la propria responsabilità e nel pieno rispetto della normativa, mettendo a disposizione tutta la documentazione precontrattuale e contrattuale per permettere la comprensione e le caratteristiche dei prodotti offerti. Ricordiamo che Conclara Srl non è un intermediario finanziario, un ente erogante o un operatore del credito pertanto non è responsabile dei rapporti che intercorrono tra Utenti ed Operatori.